Questura di Bolzano

  • Largo Giovanni Palatucci, 1 - Palatucci Platz, 1 - 39100 BOLZANO ( Dove siamo)
  • telefono: 0471.947.611
  • email: dipps117.00F0@pecps.poliziadistato.it

Continuano i servizi straordinari della Polizia di Stato

CONDIVIDI
volanti

Due arresti e due denunce

Anche negli ultimi giorni sono proseguiti senza sosta i servizi straordinari di controllo del territorio, disposti dal Questore di Bolzano Lucio CARLUCCIO, attuati anche con l’ausilio di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Padova.

    Sono stati particolarmente controllati i giardini della Stazione,  i Prati del Talvera, i Parchi Cappuccini e Mignone e gli altri giardini della città.

Oltre 250 i soggetti identificati e 2000 i veicoli controllati con il nuovo sistema “Mercurio”, che consente di verificare in tempo reale i dati del mezzo e dell’intestatario, oltreché eventuali provvedimenti amministrativi pendenti.

In particolare, per quanto riguarda i risultati di polizia giudiziaria, nel corso della scorsa notte, a seguito dei controlli effettuati in zona stazione, sono stati denunciati due stranieri, uno afghano e l’altro nigeriano.

Il primo veniva trovato in possesso di sostanza stupefacente del tipo Cocaina, suddivisa in 9 piccole dosi contenute in cellophane; lo straniero, alla vista della Volante, si dava precipitosamente alla fuga gettando, nella corsa, una busta contenente le 9 dosi. Fermato dagli agenti e, recuperata la droga, veniva condotto presso gli Uffici della Questura per l’identificazione. Il soggetto risultava titolare di numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio e stupefacenti.

Il secondo soggetto, nigeriano, veniva intercettato dagli Agenti nei pressi della stazione delle autocorriere; lo straniero, non appena notava la Volante, saliva a bordo della sua bici e cercava di dileguarsi.

I poliziotti, che prontamente bloccavano il soggetto, notavano che dalla sella della bici spuntava la lama di un coltello ben occultato; a seguito della perquisizione, gli Agenti rinvenivano un coltello con lama di circa 11 cm e procedevano ad accompagnare il soggetto in Questura per identificarlo e denunciarlo per porto abusivo di armi.

Sempre in questi giorni, sono stati eseguiti due ordini di carcerazione nei confronti di un afghano e di un italiano. Il primo è stato trovato presso l’argine del fiume Isarco in compagnia di altri tre soggetti prontamente identificati, tutti di origine afghana. A suo carico risultava un ordine di cattura per una rapina commessa, lo scorso settembre, in Roma.

Il ventisettenne, SHAMARKHEL Naismir, è stato quindi accompagnato dagli Agenti della Squadra Volante, presso gli Uffici della Questura per ulteriori accertamenti e successivamente condotto presso la locale Casa Circondariale.

Nella serata del 27 u.s., in zona Don bosco, la S.O. riceveva una chiamata da parte del Direttore di un esercizio commerciale che lamentava la presenza, nel suo negozio, di un soggetto molesto che minacciava e disturbava i clienti.

Gli Agenti arrivati sul posto, identificavano un soggetto, sessantasettenne catanese, che, da controllo al terminale, risultava essere anche lui titolare di un ordine di esecuzione carceraria del Tribunale di Verona. Pertanto gli operatori procedevano ad accompagnare l’uomo presso la Questura e, a seguito dei relativi controlli, veniva condotto presso la Casa Circondariale di Bolzano.


01/10/2016

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

28/02/2024 07:14:16