Questura di Belluno

  • Via Volontari della Libertà n.13 - 32100 BELLUNO ( Dove siamo)
  • telefono: 0437945511
  • fax: 0437945777
  • email: questore.bl@poliziadistato.it
  • facebook

La Polizia insieme tra la gente e per la gente:nelle stazioni, sui treni e tra i banchi di scuola

CONDIVIDI
Polfer Belluno 2

Dopo l’impegno profuso nel periodo delle Festività Natalizie, per garantire agli utenti di viaggiare in sicurezza nel mondo ferroviario, sono proseguite a ritmo serrato e con brillanti risultati i mirati servizi di controllo e di vigilanza disposti dal Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto nelle stazioni e negli ambiti di competenza, ed in particolare in quelle di Venezia, Mestre e Padova, interessate da un flusso sempre imponente di viaggiatori.

Nel corso di specifica attività di prevenzione e di contrasto ai reati in ambito ferroviario, gli Operatori della Polfer di Mestre hanno proceduto all’arresto di un quarantaseienne, che, a seguito di approfonditi accertamenti, è risultato essere destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia, con cui era stata disposta l’esecuzione della pena detentiva di 6 mesi e 1 giorno di reclusione, perché condannato per una rapina commessa nel dicembre 2014. All’uomo, che, alla vista degli operatori ha assunto un atteggiamento sospetto, quasi volesse sottrarsi al controllo di polizia, avendo attraversato i binari per portarsi al marciapiede opposto, sono state anche contestate le violazioni amministrative relative al regolamento della Polizia Ferroviaria.

Sempre nella Stazione di Mestre, gli Agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria Compartimentale, durante una mirata attività di prevenzione e repressione dei reati predatori espletata in abiti borghesi, sono intervenuti prontamente, cogliendo in flagranza di reato aggravato un giovane, a bordo di un treno Alta Velocità in sosta nello scalo. L’attenzione degli Operatori è stata colpita dal comportamento sospetto dell’uomo, che più volte è salito e poi subito disceso da alcuni convogli fermi in stazione. Dopo averlo seguito a bordo di un treno Alta Velocità, lo hanno visto prelevare con disinvoltura un capiente trolley dal vestibolo di una carrozza e spostarsi repentinamente in un’altra, preparandosi a scendere. Immediatamente bloccato, gli Agenti dopo aver individuato la vittima, un turista australiano, completamente ignaro di quanto appena accaduto, si è visto restituire il bagaglio integro nel contenuto, pari ad un valore stimato di circa 2.000 euro. Gli immediati accertamenti hanno consentito di identificare compiutamente l’autore del reato, un ventiquattrenne straniero, già gravato da precedenti penali, che è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. Grazie ad ulteriori approfondimenti investigativi, attuati anche analizzando minuziosamente le immagini delle telecamere di videosorveglianza dello scalo ferroviario, hanno consentito agli Agenti di individuare lo stesso giovane quale l’autore di altri furti avvenuti con il medesimo modus operandi qualche giorno prima.

 

Particolare attenzione viene costantemente riservata anche alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, con servizi mirati svolti con l’ausilio di unità cinofile. In particolare nella stazione ferroviaria di Portogruaro, una pattuglia del Posto di Polizia Ferroviaria, coadiuvata da un operatore cinofilo della Polizia Locale, ha fermato un giovane con un vistoso bagaglio al seguito, che, sottoposto ad approfondito controllo, a seguito della inequivocabile reazione del cane, è stato trovato in possesso di diversi grammi di sostanza stupefacente tipo marijuana. L’uomo è stato segnalato per detenzione ad uso personale.

    Tutte le attività di vigilanza e controllo svolte dalle pattuglie nelle stazioni e negli scali ferroviari vengono coordinate dal Centro Operativo Compartimentale della Polizia Ferroviaria di Venezia Mestre e sono state ottimizzate grazie all’utilizzo degli smartphone in dotazione, che consentono agli operatori la verifica e l’analisi in tempo reale dei documenti elettronici.

Ma la presenza della Polizia Ferroviaria è viva e costante anche negli istituti scolastici primari e secondari, dove il Progetto “Train to be cool”,  campagna di educazione alla legalità e alla sicurezza, in particolare nell’ambito ferroviario, ideato dal Servizio Polizia Ferroviaria in collaborazione con il MIUR, incontra l’attenzione di tanti bambini e ragazzi, riscuotendo grande interesse e partecipazione.

In questi giorni di gennaio, dopo la ripresa delle attività scolastiche al termine delle vacanze natalizie, gli Operatori appositamente formati del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto hanno già incontrato 98 bambini della scuola primaria del Plesso Manzoni IC3 Felissent di Treviso,  409 giovani studenti della scuola secondaria di primo grado e  150 bambini della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Statale  di Cittadella (PD):  a tutti  è stato illustrato il comportamento corretto da tenere nelle stazioni e sui treni, suggerendo gli accorgimenti da adottare per prevenire incidenti che, talvolta, vedono coinvolti proprio i più giovani. Trenta bimbi della Scuola Primaria di Casale sul Sile sono stati invece graditi ospiti nella Sezione Polizia Ferroviaria di Venezia S. Lucia, dove hanno visitato gli uffici e la Sala Monitor, dimostrando grande entusiasmo.

 


23/01/2020

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

25/05/2020 00:57:10