Questura di Asti

  • Corso XXV Aprile n.19 - 14100 ASTI ( Dove siamo)
  • telefono: 0141418111
  • fax: 0141418677
  • email: gab.quest.at@pecps.poliziadistato.it

ASTI - La Sezione di Polizia Giudiziaria - Aliquota Polizia di Stato della Procura di Asti, ha dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere a carico di donna gravemente indiziata dei delitti, compiuti nell'astigiano.

Il 24 aprile scorso personale della Sezione di Polizia Giudiziaria - Aliquota Polizia di Stato della Procura di Asti, ha dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere che il Gip dr.G. Morando di Asti ha adottato a carico di donna gravemente indiziata dei delitti, compiuti nell’Astigiano, di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in danno di due donne, una delle quali invalida civile al 100 % per problemi psichici.

L’indagata è stata rintracciata presso la sua abitazione dove si prostituiva e dove faceva prostituire le altre donne.  

Il 29 aprile 2019 Il Gip ha condotto l’interrogatorio di garanzia e la donna si è avvalsa della facoltà di non rispondere.

Le indagini - delicate ed articolate- sono state dirette dal Pm dr. G.Fiz a partire dal febbraio 2019 subito dopo la preoccupante segnalazione raccolta dalla Sezione di Pg sul conto della giovane disabile.  Stante il timore di gravi atti di pregiudizio in danno della persona disabile, le indagini sono state condotte con la massima speditezza: numerosi i testimoni sentiti, gli accertamenti sui siti internet per escorts effettuati, i servizi di osservazione e le operazioni tecniche compiuti.

E’ così emerso che la donna arrestata, dopo aver intrapreso una relazione amicale con la persona disabile, l’avesse poi indotta al meretricio con la prospettiva di facili guadagni. L’indagata si premurava quindi di ricercare i clienti, presentarli alla persona disabile e di trattenere parte dei proventi delle prestazioni sessuali erogate nell’alloggio preso in locazione dall’indagata stessa.

Secondo il racconto della persona disabile l’indagata le faceva fare cose brutte, con persone diverse - la prima riservando a sé i clienti più belli e giovani – e si faceva consegnare  la gran parte del denaro;, inoltre in un’occasione la obbligava  ad effettuare le prestazioni sessuali nonostante fosse indisposta ed addirittura la picchiava.

Il Gip di Asti, considerati i gravi indizi di colpevolezza,  ha ritenuto che solo la misura carceraria fosse idonea a contenere nel modo più tempestivo ed efficace possibile il comportamento posto in essere da costei qualificato, tra l’altro, estremamente offensivo e deprecabile.

Proseguono le indagini per far luce completa sulla intera vicenda.

 


30/04/2019

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/10/2019 09:04:29