Questura di Asti

Codice Rosso: non accetta la fine della relazione e pone in essere atti persecutori ai danni dell’ex fino a provocare l’incendio dell’appartamento in cui vive.

CONDIVIDI
Codice Rosso e violenze di genere

La Squadra Mobile della Questura di Asti e la Sezione di Polizia Giudiziaria traggono in arresto il responsabile.

Asti – Nella giornata di mercoledì 13 settembre, alle prime luci dell’alba, gli operatori della Polizia di Stato – Questura di Asti intervenivano unitamente a personale dei Vigili del Fuoco su una segnalazione di incendio in pieno centro città. Le fiamme propagavano da un appartamento di un immobile e nell’immediatezza tutti i condomini venivano messi in salvo dalle Forze dell’Ordine e dai Vigili del Fuoco intervenuti sul posto, in particolare due condomini sorpresi nel sonno.

Dai primi accertamenti appariva che con ogni probabilità l’origine dell’incendio fosse dolosa, pertanto, personale della locale Squadra Mobile e della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Asti, unitamente ai Vigili del Fuoco del Nucleo Investigativo di Torino, che con un consulente tecnico nominato dalla Procura hanno immediatamente compiuto il sopralluogo teso alle verifiche indiziarie e a quelle di sicurezza e di agibilità, avviavano una fitta attività d’indagine.

Veniva sentita l’inquilina dell’appartamento interessato, nonché figlia della proprietaria, una donna di ventotto anni di origini astigiane, che denunciava le condotte di un uomo con il quale si stava frequentando da qualche mese, anch’egli astigiano di trentasei anni. Quest’ultimo non accettando la fine della relazione sentimentale aveva iniziato a molestarla, percuoterla e picchiarla ripetutamente cagionandole uno stato di ansia e agitazione, confermato poi anche da alcuni comportamenti della donna e da evidenze probatorie raccolte dagli operatori.

Nelle ore precedenti a quelle dell’incendio, i due giovani sarebbero stati all’interno dell’immobile ove, per l’ennesima volta avrebbero litigato violentemente e la donna spaventata si sarebbe allontanata frettolosamente lasciando all’interno l’uomo. Dopo qualche ora le Forze dell’Ordine intervenivano perché l’appartamento era stato distrutto dalle fiamme.

Gli investigatori dalla Squadra Mobile unitamente alla Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Asti, coordinandosi e cooperando costantemente, hanno mantenuto un contatto diretto con la vittima e con tutte le persone coinvolte ed hanno raccolto elementi probatori tali da far emergere gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo sia in relazione alle condotte persecutorie ai danni della donna sia relativamente all’incendio dell’appartamento. Inoltre la pericolosità delle condotte contestate e il pericolo di reiterazione delle stesse, ha portato la Procura della Repubblica di Asti a formulare la richiesta di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere poi avallata dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Asti.

Nella mattinata di sabato 7 ottobre gli operatori della locale Squadra Mobile e della Sezione di Polizia Giudiziaria hanno intercettato l’uomo presso la locale stazione ferroviaria ed hanno dato esecuzione alla misura di cui sopra, traducendolo presso la Casa di Reclusione di Quarto.

Giova evidenziare che la fase in cui si sta operando è quella delle indagini e che la responsabilità dell’indagato sarà definitivamente accertata solo nel caso dell’emissione di una sentenza irrevocabile di condanna.


10/10/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

15/04/2024 07:52:13