Questura di Arezzo

  • Via Filippo Lippi snc - 52100 AREZZO ( Dove siamo)
  • telefono: 05754001
  • email: dipps107.00F0@pecps.poliziadistato.it

arrestato un ladro e restituiti i computer rubati al proprietario

CONDIVIDI

nella notte tra il 29 ed il 30....

Nella notte tra il 29 ed il 30 luglio, alle ore 02,00, personale della Squadra Volanti traeva in arresto per tentato furto un sessantenne italiano, C.S., pluripregiudicato per reati contro il patrimonio. In particolare, è accaduto che un privato cittadino, alle ore 1,45, andando a riprendere la sua autovettura lasciata in sosta presso il parcheggio Cadorna, notava una luce accesa nei locali dell'Università della Età Libera, da egli stesso frequentata, per cui bussava al portone onde verificare chi a quell'ora fosse ancora all'interno dei locali. Otteneva però il solo risultato che la luce si spegnesse immediatamente. Insospettitosi, digitava il numero 113 per allertare la Centrale Operativa della Polizia di Stato. La stessa Centrale tempestivamente informava via radio la pattuglia in servizio di perlustrazione i cui operatori, in breve tempo sul posto ed entrati all'interno dell'edificio, verificavano che era stata forzata una finestra posta a piano terra sul lato restrostante l'ingresso ed inoltre risultavano effratte anche le porte delle varie stanze, verosimilmente con un cacciavite rinvenuto a terra e debitamente sequestrato. Con estrema attenzione e cautela, venivano ispezionati tutti i vani dell'edificio finché In uno di questi, nascosto sotto una scrivania, veniva scoperto il suddetto pregiudicato. Inoltre, sul davanzale della finestra forzata ed utilizzata per penetrare nello stabile, venivano rinvenute due borse contenenti un proiettore e tre personal computer, evidentemente costituenti il bottino dell'azione criminosa posta in essere. Gli oggetti venivano riconosciuti di proprietà dell'Università così come formalmente dichiarato dal Presidente di quell'Istituto, invitato a presenziare all'ispezione dei luoghi, in sede di denuncia. Allo stesso veniva immediatamente riconsegnato il contenuto delle borse. Il malvivente, dopo la convalida dell'arresto, è stato giudicato con rito direttissimo e condannato alla pena di mesi cinque e giorni 10 di reclusione, nonché Euro 140,00 di multa, rimesso subito in libertà con obbligo di presentazione giornaliera alla Polizia Giudiziaria.
31/07/2014

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

27/02/2024 18:26:45