Questura di Arezzo

  • Via Filippo Lippi snc - 52100 AREZZO ( Dove siamo)
  • telefono: 05754001
  • fax: 0575400477
  • email: gab.quest.ar@pecps.poliziadistato.it

minaccia la cugina; bloccato dalla Polizia.

CONDIVIDI

L’intervento delle pattuglie della Polizia di Stato è stato richiesto dalla vittima stessa della grave minaccia: la raga

L'intervento delle pattuglie della Polizia di Stato è stato richiesto dalla vittima stessa della grave minaccia: la ragazza, una giovane aretina ha, infatti, chiesto aiuto nel pomeriggio al numero d'emergenza 113, riferendo di aver ricevuto una visita a casa dal cugino, affetto da turbe psichiche, che si era presentato presso la sua casa e, per motivi futili, si era iniziato ad alterare fino a minacciarla di morte, brandendo un coltello puntato alla gola: si era quindi allontanato, promettendo di tornare e porre in essere quanto minacciato. Alla base delle minacce sembra esserci la richiesta della restituzione delle chiavi di un appartamento di proprietà della famiglia. Nel frattempo le pattuglie della Polizia di Stato si sono messe sulle tracce del soggetto; è iniziata una serie di controlli in tutta la zona limitrofa, nell'area di Via Fiorentina, fino a quando un equipaggio delle Volanti ha individuato l'uomo.
Sul posto, è giunta anche una pattuglia dell'arma dei Carabinieri; gli uomini delle forze dell'ordine hanno cercato di tranquillizzare il giovane, facendo opera di mediazione, fino a convincerlo a gettare a terra il coltello, che l'uomo portava nella tasca dei pantaloni.
Tuttavia, l'uomo, all'avvicinarsi dei poliziotti ha estratto un paio di forbicine fronteggiando gli operatori e tentando poi la fuga a piedi fino a quando, dopo alcune centinaia di metri, veniva bloccato e immobilizzato.
Accompagnato presso gli uffici della Questura, il trentanovenne ha continuato nei suoi comportamenti aggressivi cercando di colpire gli operatori presenti con calci e pugni - uno dei poliziotti ha riportato delle leggere contusioni - lanciando sputi e proferendo minacce verbali, agitandosi senza tregua ponendo in essere comportamenti autolesionistici.
Si è reso necessario l'intervento del medico del 118 che ha determinato il trasporto in ospedale dell'uomo:ricoverato in psichiatria, è stato subito sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio.
L'autore del gesto, ricoverato in ospedale, è stato deferito in stato di libertà alla competente A.G. per i reati di resistenza e Lesioni a Pubblico Ufficiale nonché minacce aggravate; il coltello e le forbici sono state sequestrate.


17/06/2014

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

20/09/2020 16:34:33