Questura di Ancona

  • Via G. Gervasoni 19 - 60129 ANCONA ( Dove siamo)
  • telefono: 07122881
  • email: gab.quest.an@pecps.poliziadistato.it

Senigallia: Rubano un telefonino in una sala slot. La volante del Commissariato identifica e denuncia gli autori

CONDIVIDI
image Nel pomeriggio di lunedì scorso, 8 aprile, giungeva una chiamata al 113, numero di emergenza della Polizia di Stato, nella quale veniva segnalato il furto di un telefono cellulare di ultima generazione, del valori pari a circa €.700, presso la Sala Slot di via Raffaello Sanzio. Gli agenti della Volante del Commissariato di di P.S. di Senigallia, immediatamente giunti sul posto, hanno raccolto tutte le informazioni, anche presso la titolare e gli avventori lì presenti ed hanno anche acquisito le immagini registrate dall'impianto di videosorveglianza posto all'interno del locale. Tali accertamenti hanno così consentito di giungere alla soluzione del caso, nonché al ritrovamento del telefonino e conseguente restituzione alla legittima proprietaria. Vittima del furto è stata la stessa titolare dell'esercizio, tratta in inganno da due giovani, poi risultati essere fratelli. Intervenuti sul posto, gli agenti, sulla base delle descrizioni fornite dalla medesima, hanno immediatamente visionato le registrazioni dell'impianto di videosorveglianza, le quali hanno consentito di ricostruire la dinamica dei fatti e di identificare i due ladri. La titolare, infatti, dopo aver appoggiato il suo cellulare di ultima generazione su un tavolino, veniva attratta con una scusa da un giovane, presente nel locale, poi risultato essere responsabile del furto. In questo frangente, l'altro giovane, risultato essere il fratello del primo, rimasto fino a quel momento all'esterno del locale, faceva ingresso nella sala slot e, in modo fulmineo, si impossessava del cellulare.

Identificati e raggiunti presso il loro domicilio senigalliese dagli agenti della Squadra Volante, i due fratelli - D. R. L. M, ventenne di cittadinanza italiana, e L. N. V., trentacinquenne di cittadinanza capoverdiana - hanno inizialmente negato ogni addebito, ma poi sulla base dei dati investigativi raccolti dalla Polizia, hanno ammesso la loro responsabilità. Nell'occasione veniva rintracciato anche il telefono, che gli agenti hanno provveduto a restituire immediatamente alla vittima la quale ha ringraziato gli operatori di Polizia per la prontezza e la professionalità con la quale hanno individuato i responsabili e recuperato il costoso apparecchio. Per i due fratelli, entrambi pregiudicati, è scattata invece la denuncia per furto aggravato.


12/04/2013

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/04/2021 23:21:36