Questura di Alessandria

  • Corso Lamarmora n. 71 - 15121 ALESSANDRIA ( Dove siamo)
  • telefono: 0131310111
  • email: Pec Uff. di Gabinetto: dipps102.00f0@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Una vita da social. Il truck della Polizia di Stato ha fatto tappa ad Alessandria

CONDIVIDI
Una vita da social

Mercoledì 1° marzo p.v. ad Alessandria, in piazza Garibaldi, a partire dalle ore 08.30, è stato presente il truck della Polizia di Stato, servizio di Polizia per la Sicurezza Cibernetica e Postale e delle Comunicazioni, per la campagna itinerante di educazione alla legalità dal tema “Una vita da Social”.

L'’iniziativa, volta alla sensibilizzazione e prevenzione dei rischi connessi all’utilizzazione del web e dei social è destinata, in primo luogo, ai giovani e alle loro famiglie come momento di riflessione e di apprendimento per promuovere l’uso consapevole di tali moderni "media".

Per rendere concreta tale attività informativa e formativa, sono state invitate le diverse scuole di Alessandria che, in rappresentanza, hanno partecipato con circa 200 studenti dalla 5^ elementare ai frequentanti le scuole superiori, con la supervisione dei loro insegnanti. La regia è stata quella del personale della Polizia per la Sicurezza Cibernetica e Postale e delle Comunicazioni, ma non solo, oltre al confronto sul truck, sulla piazza Garibaldi, sono stati posizionati degli stand informativi della Polizia Stradale e Ferroviaria nonchè dell’Ufficio Anticrimine della Questura, in particolare del personale della Polizia di Stato che si occupa dei minori e delle fasce deboli con una visione a 360°.

Il confronto è stato aperto con i professionisti del web della Polizia di Stato che hanno saputo coinvolgere gli studenti su un tema che è per loro di strettissima attualità. Qualche pillola. “Sapete cos’è un profilo fake?”, “Se un personaggio famoso vi contatta siete sicuri che sia quel che dice di essere?”, “Quali accorgimenti prendere nel caso una immagine, un video hanno come contenuto violenza, derisione, volgarità?”. Questi e tanti piccoli spunti per intavolare un'interazione affinchè tutti siano coinvolti in prima persona, ma non solo. La proposizione di un comportamento etico, sia sui social network (nulla si cancella e nulla è realmente removibile come immagini, video e commenti) sia come stile di vita. Essere a fianco di chi è vittima di bullismo e cyberbullismo, stare dalla parte della vittima con il fine che il “Bullo sia Nullo”, un’espressione che dai volti dei ragazzi è piaciuta molto.

A distanza di 24 ore è giusto fare un piccolo bilancio e ragionare su ciò che è stato ieri mattina. Se la formazione non è quantificabile in termini numerici e non possiamo proporre statistiche che avvalorino il senso di questa iniziativa, possiamo senza ombra di dubbio affermare che sono stati consegnati tanti semi virtuosi ai ragazzi e alle ragazze che presto diventeranno uomini e donne del nostro tempo. La speranza è che facciano tesoro di quanto ascoltato e che siano a loro volta portatori sani di un uso consapevole degli strumenti social e multimediali che sono in loro possesso

Anche il mondo dello sport non è rimasto indifferente. In piazza Garibaldi hanno raccontato la loro esperienza di sportivi di successo che, inevitabilmente, sono presenti sui social Roberto La Barbera, campione paralimpico di Atletica Leggera, Riccardo Tavernelli e Leonardo Candi, rispettivamente Capitano e playmaker della squadra di basket di serie A1 “Bertram Derthona Basket”.

In chiusura non possiamo non raccontare del piccolo Alberto arrivato in piazza con il nonno. Per lui nessun insegnamento specifico, troppo piccolo essendo in età prescolare, ma è diventato presto la mascotte dei poliziotti. Avvicinatosi con circospezione essendoci persone adulte estranee alla sua quotidianità, si è lasciato coinvolgere nel mondo della Polizia di Stato con foto e qualche gadget, ma anche attratto dalle auto e dalle moto della Polizia. Prima di andare via con la sua piccola mano che spariva in quella del nonno ha dispensato un pollice alto e “un cinque” a tutti gli uomini e le donne in divisa. Anche questo è il nostro modo di essere poliziotti.

Una mattinata dunque importante che non è passata inosservata e che ha visto anche la presenza del Sig. Prefetto, del Sig. Questore, dei Sigg. Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, del Sig. Procuratore di Alessandria, del Sig. Comandante della Polizia Locale, del Ass.re del Comune di Alessandria, Dr. Enrico Mazzoni, del Vice Presidente della Provincia di Alessandria, Dr. Matteo Gualco e del personale del Cissaca di Alessandria.

Un evento così importante e strutturato ha avuto bisogno di una collaborazione del territorio e tal proposito si ringraziano:
il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Alessandria;
Serra, industria dolciaria di Novi Ligure;
Elah Dufour di Novi Ligure;
Portinaro Krumiri di Casale Monferrato;
Pernigotti di Novi Ligure;
Confindustria per la collaborazione.


02/03/2023
(modificato il 03/03/2023)

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

22/06/2024 17:34:51