Questura di Agrigento

  • Piazza Vittorio Emanuele, 2 - 92100 AGRIGENTO ( Dove siamo)
  • telefono: 0922483111
  • fax: 0922483616 - 0922483540
  • email: gab.quest.ag@pecps.poliziadistato.it

Immigrazione clandestina. Continua l'incessante lavoro della Squadra Mobile.

Sansovino

Continua incessante l’azione della Polizia di Stato sul fenomeno dell’immigrazione clandestina, attraverso una mirata attività di contrasto dei trafficanti di essere umani e di monitoraggio del flusso migratorio in un’ottica di prevenzione antiterrorismo. 
Nei giorni scorsi, la Squadra Mobile, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento, a seguito degli sbarchi registratisi a Lampedusa e sulla costa, ha attivato una scrupolosa attività di indagine che, attraverso una mirata analisi del carteggio acquisito, ha consentito di accertare la condotta delittuosa degli indagati ed a trarli in arresto. In data 25 agosto 2019, veniva tratto in arresto un cittadino tunisino, classe 1991, in quanto, sebbene destinatario di decreto di espulsione emesso nel maggio del 2018, lo stesso faceva rientro illegalmente nel territorio dello Stato, attraverso la frontiera marittima di Porto Empedocle in data 24.08.2019. 
In pari data veniva tratto in arresto anche un connazionale, classe 2001, in quanto sebbene destinatario di decreto di respingimento emesso dal Questore di Agrigento l’11 luglio scorso, con divieto di reingresso nel territorio italiano prima che siano decorsi 3 anni dalla data del suo effettivo allontanamento dallo Stato italiano, faceva rientro nel territorio nazionale attraverso la frontiera marittima di Porto Empedocle in data 24.08.2019. 
Il 26 agosto successivo, i poliziotti della Mobile traevano in arresto un cittadino tunisino, classe 1985, in quanto, sebbene destinatario di decreto di respingimento emesso dal Questore di Agrigento il 23.12.2018, con divieto di reingresso nel territorio italiano prima che siano decorsi 3 anni dalla data del suo effettivo allontanamento dallo Stato italiano, faceva rientro nel territorio dello Stato, attraverso la frontiera marittima di Lampedusa, nel corso dello sbarco del 25 agosto precedente. Nella giornata di ieri 28 agosto u.s., gli agenti della Mobile, in collaborazione con la Squadra Mobile di Ragusa, davano esecuzione al provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Agrigento a carico di un cittadino siriano, classe 1994, in quanto ritenuto responsabile del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per avere pilotato un’imbarcazione giunta a Lampedusa con altri 37 migranti. Dopo le formalità di rito, il fermato veniva associato presso la Casa Circondariale di Agrigento.
Sempre ieri, il personale della Squadra Mobile, traeva in arresto altri due cittadini tunisini in quanto entrambi, sebbene gravati da decreto di espulsione emesso dal Prefetto della Provincia di Agrigento in data 29.07.2019, con divieto di reingresso nel territorio nazionale per la durata di anni cinque e di decreto di espulsione emesso dal Prefetto della Provincia di Imperia in data 14.09.2018, facevano rientro nel territorio dello Stato, attraverso la frontiera marittima di Lampedusa nel corso dello sbarco registratosi il 25.08.2019


29/08/2019

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

20/11/2019 03:37:50