Questura di Monza e della Brianza

  • via Montevecchia snc - 20900 MONZA ( Dove siamo)
  • telefono: 039/24101
  • email: Consultare "Orari e Uffici"

In manette i giovani autori di rapine commesse in danno di coetanei nelle vie del centro di Monza

CONDIVIDI
SqMbMonza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nelle prime ore di questa mattina, la Polizia di Stato di Monza, ha dato esecuzione ad una misura cautelare ponendo agli arresti domiciliari due giovani egiziani, I.A.R.A.S. di anni 19, residente a Monza, A.Y. di anni 21, residente in provincia di Lecco, e collocando in comunità un terzo autore minorenne,  G.M.T.K.A. di anni 17, domiciliato a Sesto San Giovanni.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Monza e della Brianza, sono scaturite dall'attività d'indagine seguita a due rapine commesse nel centro storico di Monza ai danni di alcuni minorenni per mano di gruppi di ragazzi coetanei o appena maggiorenni nel mese di gennaio 2020.

In particolare il primo episodio è stato connotato dall'uso di una violenza attiva nei confronti della vittima, un ragazzo egiziano di soli 15 anni, che è stato affrontato dai tre soggetti di nazionalità egiziana, I.A.R.AS., A.Y. e G.M.T.K.A., appartenenti ad un gruppo più numeroso che stazionava in una via del centro storico che, brandendo un coltello a serramanico ciascuno, immobilizzavano il malcapitato rapinandolo e picchiandolo tanto da dover essere successivamente accompagnato presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale San Gerardo.Grazie alla collaborazione della vittima con numerosi elementi forniti, l'attività investigativa, in brevissimo tempo, consentiva di identificare i tre egiziani e di recuperare il telefono cellulare rapinato e trovato in possesso di un altro soggetto al quale era stato venduto da ricettatori.

Il secondo episodio avveniva nelle prime ore del pomeriggio, vittima un ragazzo di appena 15 anni che veniva accerchiato, nei pressi di Piazza Trento e Trieste, da un folto gruppo di ragazzi più grandi, che gli impedivano di allontanarsi e con minacce gli intimavano di consegnare telefono cellulare, orologio e portafogli ed addirittura la maglia costringendolo a toglierla nonostante le rigide temperature invernali, minacciandolo di morte se avesse denunciato l'accaduto.

Anche in questo caso,  grazie alla fattiva collaborazione della vittima, che descriveva minuziosamente due dei soggetti che lo avevano rapinato ed alla intensa attività investigativa, si riusciva ad individuare gli autori per i quali questa mattina scattavano le manette.


23/05/2020

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

30/05/2020 17:15:01