Questura di Vercelli

  • Via San Cristoforo n.11 - 13100 Vercelli ( Dove siamo)
  • telefono: 0161225411
  • fax: 0161225580
  • email: gab.quest.vc@pecps.poliziadistato.it

Accoltellamento a Vercelli: la Polizia di Stato arresta il colpevole

immagine

La scorsa notte, la Polizia di Stato di Vercelli ha arrestato un giovane vercellese per avere accoltellato, per futili motivi un quarantenne del capoluogo dopo una rapida ma intensa attività investigativa.

Tutto ha inizio nel pomeriggio di mercoledì, quando un giovane vercellese, A.R., classe 85, residente in città, inizia una conversazione on line attraverso una chat del noto social network Facebook , con il profilo di  un giovane vercellese, classe 1979l, M.D., collega di lavoro.

La conversazione, su una presunta rivalità tra Nord e Sud Italia, innescava sin da subito un diverbio a distanza che, alle ore 21 circa, sfociava in un incontro tra i due, avvenuto sotto l’abitazione del giovane quarantenne, nei pressi di C.so Fiume.

Al momento dell’incontro, A.R. si presentava, in auto, assieme alla moglie mentre M.D. si faceva trovare in strada sotto la propria abitazione: i due venivano, così, alle mani e ad un certo punto A.R. colpiva con un oggetto tagliente M.D. causandogli ferite da taglio all’addome, al torace, al capo e agli arti, e, caduto a terra su un fianco, A.R. continuava a colpirlo, e solo le urla della convivente del povero accoltellato lo facevano desistere dal continuare.  Iniziava così, anche, una rapida discussione tra le due donne e immediatamente A.R. e la moglie si allontanavano a bordo dell’autovettura  con la quale erano arrivati, una Mercedes,  ovviamente senza prestare soccorso. 

Nel frattempo, un testimone oculare assisteva all’intera scena e contattava immediatamente il N.U.E. 112 che allertava una pattuglia della Squadra Volante che, giunta sul posto,  soccorreva M.D. che stava perdendo sangue, facendo intervenire il 118, ed aiutando la compagna, accanto alla quale, sul selciato, erano rimaste macchie di sangue nonché una ciocca di capelli, segno della colluttazione avvenuta poco prima tra le due donne.

 La pattuglia dopo aver soccorso i feriti, al fine di rintracciare l’autore del reato, a seguito delle primissime dichiarazioni verbali di M.D., ancora cosciente, individuava il presunto autore del reato, identificandolo come un collega di lavoro del reo, in quanto entrambi lavoratori dipendenti presso un polo logistico di Biandrate (NO), ove svolgono la mansione di autisti.

La volante raggiungeva dunque l’abitazione di A.R.: lì giungeva la moglie, che aveva assistito al fatto delittuoso e che non chiariva i motivi del diverbio né sapeva indicare ove si trovasse il coniuge, confermando  che il marito aveva utilizzato durante il diverbio un oggetto tagliente che, a dire della stessa, era precedente nelle mani di M.D., e di cui A.R. si era impossessato  una volti arrivati allo scontro. 

Nel frattempo altre due pattuglie delle Volanti, sul territorio, si ponevano alla ricerca di A.R. senza esito, tanto da far pensare che lo stesso avesse lasciato Vercelli.

Contestualmente l’agente di sala operativa contattava il luogo di lavoro di A.R. avendo conferma che avrebbe dovuto svolgere turno notturno.

A.R., alle 2 di questa notte, gli agenti delle Volanti dell’UPGSP, dirette da poco dal Commissario Capo Dr. Tuccillo Gianluca, intercettavano e fermavano A.R. a Biandrate, mentre lo stesso, al momento dell’identificazione, era intento ad approntare la motrice del camion per partire per ragioni di lavoro, allontanandosi ulteriormente dal luogo dei fatti.

In mattinata, dopo i necessari accertamenti, il fermato è stato condotto in carcere.

 


26/01/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

14/08/2018 16:15:20