Questura di Venezia

  • Sestiere di Santa Croce, 500 - 30100 Venezia ( Dove siamo)
  • telefono: 0412715511
  • fax: 0412715402-04
  • email: gab.quest.ve@pecps.poliziadistato.it

AGGRESSORE DI UN CAPOTRENO PRONTAMENTE FERMATO DAGLI AGENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA

A seguito delle segnalazioni da parte dei capitreno che, negli ultimi tempi, lamentano la presenza a bordo dei convogli di viaggiatori irregolari che spesso assumono atteggiamenti aggressivi, procurando disagio e preoccupazione anche tra gli altri passeggeri, la Polizia di Stato - Specialità Ferroviaria ha intensificato i servizi di prevenzione e repressione dei reati sui treni e nelle stazioni di competenza.

È di ieri il tempestivo intervento degli agenti della Sezione Polizia Ferroviaria di Mestre che, dopo aver raccolto la segnalazione di un capotreno aggredito da un uomo privo del recapito di viaggio, si sono subito adoperati per identificare e fermare il colpevole.

Nello specifico, nella stazione di Quarto d’Altino, il capotreno, unitamente ad un collega di Trenitalia,  stava effettuando il controllo dei biglietti ai passeggeri in procinto di salire a bordo, quando si imbatteva in due giovani stranieri che ne erano sprovvisti; alla richiesta di regolarizzare la loro posizione, i predetti non solo si rifiutavano, ma reagivano in modo aggressivo e violento, tanto da innescare una colluttazione, nel corso della quale uno dei due arrivava anche ad afferrare per il collo il controllore.

Durante il parapiglia, uno si allontanava precipitosamente, facendo perdere le sue tracce, mentre il più violento, alla partenza del treno, riusciva a salire a bordo, cercando poi di nascondersi nel vestibolo dell’ultima carrozza di coda.

All’arrivo del convoglio nella stazione di Mestre, però, trovava ad attenderlo i poliziotti che, allertati dell’accaduto, intervenivano prontamente e grazie alla descrizione fornita riuscivano ad identificare e a fermare l’aggressore.

L’uomo, un venticinquenne senegalese identificato tramite permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Cagliari, veniva sottoposto a rilievi fotodattiloscopici e agli accertamenti presso il Gabinetto di Polizia Scientifica, quindi deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di minaccia, resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali.

Sottoposto alle cure del caso presso il locale Pronto Soccorso, il capotreno aggredito veniva refertato con 5 giorni di prognosi per le lesioni subite.

 


24/05/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

16/11/2018 06:32:50