Questura di Varese

  • Piazza della Libertà, 2 - 21100 Varese ( Dove siamo)
  • telefono: 0332801111
  • email: urp.quest.va@pecps.poliziadistato.it
  • facebook
  • twitter

Squadra Mobile di Varese e Catania – arrestati 2 quarattasettenni albanesi responsabili in concorso di spaccio di sostanza stupefacente.

foto

La Polizia di Stato ha tratto in arresto XIFAJ Armando (cl.1971) pregiudicato, e DACI Ermir. (cl.1971), entrambi ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina.

Nell’ambito di indagini finalizzate ad individuare un canale di approvvigionamento di stupefacenti dalla Lombardia, personale della Squadra Mobile di Catania, in collaborazione con personale della Squadra Mobile della Questura di Varese, ha avviato accurate indagini finalizzate all’individuazione ed identificazione di un cittadino albanese ritenuto attivo nell’ illecito traffico di stupefacenti.

I poliziotti della Squadra Mobile di Catania sono stati inviati a Varese per svolgere una preliminare attività investigativa che ha consentito di concentrare le attenzioni su un paese della provincia di Como (al confine con la provincia di Varese), ove è emerso dimorava il cittadino albanese ricercato.

Nel pomeriggio dello scorso 15 febbraio, il personale della Polizia di Stato dei citati uffici investigativi ha predisposto un mirato servizio di osservazione nei pressi di una palazzina al fine di verificarne la presenza.

Nel corso dell’attività di polizia gli operatori hanno notato sopraggiungere una Volkswagen Polo con a bordo due soggetti, i quali accortisi della presenza degli agenti, una volta giunti in prossimità del cancello elettrico dell’immobile, hanno tentato di eludere il controllo allontanandosi repentinamente. Prontamente bloccati e identificati per Xifaj Armando e Daci Emir, i due cittadini albanesi hanno ammesso di avere nella loro disponibilità un appartamento sito al secondo piano dello stabile.

Le circostanze e l’anomala condotta tenuta dai due fermati hanno costretto gli agenti a procedere con una perquisizione all’interno dell’appartamento che ha non solo confermato i sospetti ma ha anche consentito di rinvenire e sequestrare, all’interno di una camera da letto, una borsa in tela plastificata, un borsone da viaggio e una valigetta porta computer in cui erano custodite n.33 confezioni in cellophane, sigillate con nastro da imballaggio, contenenti sostanza stupefacente del tipo eroina, per un peso complessivo di kg.17,5 circa.

Nel corso della perquisizione sono stati rinvenuti e sequestrati, altresì, n.8 sacchetti in plastica contenenti altra sostanza, presumibilmente da taglio, dal peso di circa 8Kg, nonché di n.2 bilancini di precisione ed altro materiale per il confezionamento, mentre all’interno di un trolley e sopra un mobile della cucina è stata rinvenuta e sequestrata un’ingente somma di danaro (quasi 50.000,00 euro) suddivisa in mazzette di banconote di vario taglio.

I predetti. sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina ed associati presso la casa circondariale di Como a disposizione dell’A.G.

Il valore dello stupefacente all’ingrosso ammonta ad oltre 300 mila euro.


17/02/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

24/06/2018 10:35:50