Questura di Varese

  • Piazza della Libertà, 2 - 21100 Varese ( Dove siamo)
  • telefono: 0332801111
  • email: urp.quest.va@pecps.poliziadistato.it
  • facebook
  • twitter

Squadra Mobile – Arresto di un cittadino Tunisino per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione, resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale.

foto

Alcuni giorni fa, al termine di una serrata attività di indagine condotta dalla Polizia di Stato è stato arrestato un cittadino tunisino di anni 39, pregiudicato, perché colto nella flagrante detenzione di circa 30 grammi di cocaina, 150 grammi circa di hashish e materiale compendio di furto quale una motocicletta di grossa cilindrata e ulteriori targhe anch’esse rubate.

Le operazioni della Squadra Mobile della Questura di Varese si sono concentrate presso l’abitazione del cittadino tunisino e della propria compagna, dove i poliziotti della Sezione Antidroga si sono recati con lo scopo di procedere ad una perquisizione.

Appena entrati in casa, gli operatori sono stati costretti a gestire una imprevista ed estrema resistenza posta in atto dall’uomo che, per intimorire gli agenti e farli desistere dagli approfondimenti investigativi in atto, con gesto repentino impugnava due grossi coltelli prelevati dalla cucina e dopo averne posizionato uno alla propria gola e l’altro all’altezza del ventre, minacciava di uccidersi qualora gli agenti non se ne fossero andati.

La situazione è apparsa fin da subito di particolarmente critica in quanto l’uomo era fortemente determinato a resistere al controllo e a mettere in atto i suoi propositi piuttosto che arrendersi.

La situazione di tensione si è protratta per più di un’ora durante la quale, per dimostrare la serietà delle proprie minacce e non far avvicinare i poliziotti, il cittadino tunisino si è inflitto un fendente sulla gamba continuando a minacciare di uccidersi pur di non far controllare l’abitazione.

È stato attivato il protocollo operativo previsto per simili situazioni che prevede una vera e propria “negoziazione” che, dopo più di un’ora, faceva letteralmente crollare l’uomo il quale, dopo aver gettato i coltelli, si consegnava alla polizia.

Nella vicenda, pur essendo presenti altre persone all’interno della casa, soltanto il cittadino tunisino riportava una ferita alla gamba, in conseguenza del citato fendente che l’uomo aveva inferto a sé stesso, successivamente suturato con dieci punti.

Il controllo dell’abitazione e delle sue pertinenze ha consentito di confermare le ipotesi investigative dal momento che sono stati rinvenuti circa 30 grammi di cocaina, 150 grammi di hashish e una motocicletta di grossa cilindrata rubata a Milano, nonché delle targhe, oggetto di furto su altri veicoli, da applicare sulla moto.

Sul materiale sequestrato sono tutt’ora in corso ulteriori indagini, al fine di comprenderne la provenienza e se sia stato utilizzato per commettere altri reati, come induce a ritenere la disponibilità della motocicletta e di più targhe compatibili con tale veicolo.

Al termine delle attività il cittadino tunisino è stato tratto in arresto e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria presso la casa Circondariale di Varese.


14/10/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

23/05/2018 23:34:15