Questura di Terni

Intensa attività di controllo del territorio da parte della Polizia di Stato

 

 

 

            Come ribadito ieri mattina dal Questore Antonino Messineo, al termine della riunione tecnica di coordinamento che si è tenuta in Prefettura - durante la conferenza stampa tenuta dal Prefetto De Biagi per far il punto della situazione proprio sulla sicurezza - la repressione e la prevenzione sono i concetti sui quali la Polizia di Stato ha posto tutta la sua attenzione, sulla prevenzione in particolar modo, anche attraverso il potenziamento delle attività di controllo del territorio, arrivando, per esempio, a raddoppiare nel 2018, il numero dei veicoli controllati e all’identificazione di 38.000 persone.

            La presenza delle pattuglie della Polizia di Stato in strada va comunque di pari passo con le attività di indagine e di accertamento effettuate dai vari uffici della Questura, un lavoro capillare ed attento che permette, anche nel giro di pochi giorni, di individuare e denunciare autori di fatti criminosi.

 

            E’ di ieri, infatti, l’identificazione e la relativa denuncia di tutti i responsabili degli atti di vandalismo perpetrati in via Roma, anche dell’episodio compiuto nella notte fra il 10 e l’11 gennaio.

Con la loro individuazione, che si collega all’analogo episodio di domenica 13 gennaio - quando a compiere gli stessi atti vandalici era stato un gruppetto di giovani ternani - la DIGOS ha dato un nome a tutti i responsabili dei danneggiamenti delle fioriere.

Questa volta, protagonisti dei fatti sono risultati due amici, entrambi 22enni residenti a Roma che, dopo aver trascorso la serata a Terni, passando in via Roma, probabilmente dopo aver alzato un po’ il gomito in qualche locale, hanno messo in scena l’atto vandalico. 

In assenza di testimoni oculari, anche in questo caso sono risultate fondamentali le telecamere, pubbliche e private, le cui immagini hanno consentito di risalire agli autori, che ora dovranno rispondere del reato di danneggiamento aggravato.

 

Sempre ieri, due giovani, un 23enne moldavo ed un 33enne bielorusso, sono stati denunciati dalla Squadra Volante per il reato di abbandono di minore, in concorso.

I due erano usciti sabato sera ed avevano portato una bambina, la sorellina del moldavo, a mangiare una pizza e poi alla pista di pattinaggio ma, anziché riaccompagnarla a casa a dormire, avevano deciso di proseguire la serata recandosi al night, lasciandola chiusa in macchina all’esterno, con la musica della radio a farle compagnia.

Nel frattempo la mamma della bambina si era rivolta alla Polizia di Stato, segnalando che, fino a quando il telefono cellulare di quest’ultima non si era scaricato, aveva saputo che la figlia si trovava chiusa in auto da sola davanti ad un night.

Immediate le ricerche dei tre giovani e del veicolo, il rintraccio avveniva verso le ore 10.00 di domenica, quando una pattuglia della Polizia Stradale transitando sotto l’abitazione della minore vedeva i tre mentre stavano rientrando.

Appurato che la bambina stava bene e che non appariva in alcun modo traumatizzata dalle modalità con cui aveva appena trascorso la notte, la Squadra Volante procedeva nei confronti dei due giovani, denunciandoli all’Autorità giudiziaria per il reato di abbandono di minore, in concorso.

 

Ancora ieri, due fratelli marocchini, regolari sul territorio nazionale, uno 30enne ed uno minorenne, sono stati sorpresi dalla Squadra Volante mentre danneggiavano i cassonetti della raccolta differenziata in varie vie circostanti della stazione ferroviaria.

Il maggiorenne, al momento del fermo, ha reagito contro gli agenti minacciandoli di morte; sono stati entrambi denunciati per il reato di danneggiamento, in concorso, aggravato per il maggiorenne per aver indotto un minore a commettere il reato, oltre ad essere stato denunciato anche per minaccia a Pubblico Ufficiale.

 

            A seguito di indagine, invece, nei giorni scorsi, sono stati arrestati altri due spacciatori dell’operazione GOTHAM, dopo che si erano resi irreperibili.

            Altri due pesci finiti nella rete, grazie alla meticolosa attività d’indagine della Polizia di Stato, che è riuscita a rintracciare e ad arrestare due spacciatori oggetto della misura cautelare in carcere relativa all’operazione GOTHAM, che si erano resi irreperibili il giorno prima dei raid.

            Gli investigatori della Squadra Mobile non si sono persi d’animo e si sono messi da subito sulle loro tracce fino ad intercettarli, alcuni giorni fa, in due operazione diverse, mentre tentavano di tornare a Terni.

            Diciottenne egiziano l’uno e marocchino 35enne l’altro, erano entrambi molto attivi nello spaccio di Piazza Solferino, entrambi con precedenti penali, sono stati portati in carcere e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

            Con questi altri due arresti, salgono a 27 le misure eseguite.

            Sempre nell’ambito della stessa operazione antidroga, il Giudice ha disposto l’aggravamento della misura degli arresti domiciliari per uno degli arrestati.

            Il cittadino nigeriano di 25 anni, molto attivo nello spaccio del parco Ciaurro, è stato portato dagli agenti della Squadra Mobile in carcere, dove rimane, insieme agli altri, a disposizione dell’A.G.

 


23/01/2019

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/02/2019 21:42:39