Questura di Rimini

  • Corso D`Augusto n.192 - 47900 Rimini ( Dove siamo)
  • telefono: 0541436111
  • fax: 0541436777
  • email: urp.quest.rn@pecps.poliziadistato.it

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA RICERCATO PERUVIANO RESPONSABILE DI OMICIDIO

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA RICERCATO PERUVIANO RESPONSABILE DI OMICIDIO

Da tempo la Polizia di Stato, nell’ambito dei servizi di contrasto al fenomeno dei furti e delle rapine commessi da “trans”, provvede al costante controllo delle strutture ricettive utilizzate da cittadine e cittadini stranieri dediti alla prostituzione, in particolare i residence.-

 

Ieri, proprio durante uno di questi servizi, poliziotti della Sezione Criminalità Organizzata e Straniera della Squadra Mobile e della Squadra Volante,  hanno verificato la presenza in un residence ubicato in questa via Bergamo di due cittadini peruviani; da un controllo dei nominativi nella banca dati informatizzata delle forze di polizia, uno dei due risultava avere a suo carico una segnalazione dell’Interpol relativa ad una nota di ricerca diramata nei suoi confronti dalle autorità peruviane.-

 

Attesa la richiesta di rintraccio del soggetto da parte delle autorità del suo paese, gli agenti decidevano di predisporre un servizio di osservazione mirato alla struttura ricettiva finalizzato a rintracciarlo e bloccarlo non appena si fosse presentato all’ingresso.-

 

La pazienza e tenacia dei poliziotti è stata premiata alle prime luci dell’alba di oggi, quando hanno visto il soggetto rientrare insieme all’amico.-

 

 Immediatamente fermato, non ha opposto resistenza così da permettere agli investigatori di terminare gli accertamenti di Polizia Giudiziaria, svolti di concerto con il Servizio Interpol ed Il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della P.S..-

 

La documentazione pervenuta ha così permesso di definire le responsabilità del cittadino peruviano in ordine ad una accusa di omicidio contestatagli dalle autorità del Perù: nel 2013 egli avrebbe infatti spinto in un burrone un suo conoscente causandone la morte, reato per il quale il codice penale peruviano prevede una condanna fino a 20 anni di reclusione.-

 

Al termine degli accertamenti il cittadino peruviano, di 32 anni, è stato dichiarato in arresto a fini estradizionali ed accompagnato in carcere, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.-

 

L’altro cittadino peruviano, risultato clandestino sul territorio nazionale, è stato invece posto a disposizione dell’Ufficio Immigrazione che ha immediatamente avviato le procedure per la sua espulsione.-


14/06/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

23/06/2018 14:03:16