Questura di Reggio Calabria

  • Corso Giuseppe Garibaldi, 442 - 89100 Reggio Calabria ( Dove siamo)
  • telefono: 09654111
  • email: urp.quest.rc@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Operazione De Bello Gallico

Operazione De Bello Gallico Squadra Mobile di Reggio Calabria 4.7.2018

4 i fermi operati dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria per l'omicidio di Fortugno Fortunata ed il ferimento di Lo Giudice Demetrio

Alle prime ore della mattinata odierna, investigatori della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine “Calabria”, su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Giovanni BOMBARDIERI, hanno dato esecuzione al decreto di fermo di indiziato di delitto n. 1775 /18 R.G.N.R. D.D.A. emesso, in data 03.07.2018, nei confronti dei seguenti soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di omicidio e tentato omicidio pluriaggravati anche dal metodo mafioso, associazione mafiosa, detenzione e porto in luogo pubblico di armi da fuoco clandestine, danneggiamento aggravato mediante esplosione di colpi di arma da fuoco, furto aggravato e detenzione illegale di segni distintivi e oggetti  in uso ai Corpi di Polizia:

  1. CHINDEMI Paolo, nato a Reggio Calabria il 04.01.1990, ivi residente;
  2. CHINDEMI Mario nato a Gallico il 31.07.1968 ivi residente;
  3. PELLEGRINO Santo, nato a Reggio Calabria il 20.04.1986, ivi residente;
  4. BILARDI Ettore Corrado, nato a Reggio Calabria il 08.05.1952, ivi residente.

 

Il provvedimento di fermo d’indiziato di delitto compendia le risultanze di una complessa ed articolata attività di indagine - coordinata dai Sostituti Procuratori della D.D.A. di Reggio Calabria dr. Walter IGNAZITTO e dr. Diego CAPECE MINUTOLO - condotta dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria per far luce sul proditorio agguato che, lo scorso 16 marzo, mediante l’esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco, portò alla barbara uccisione di FORTUGNO Fortunata e al grave ferimento di LOGIUDICE Demetrio, in uno spazio adiacente al Torrente di Gallico di questo centro cittadino dove la coppia si era appartata a bordo di un fuoristrada. La sera del 16 marzo u.s., alle ore 22.35 circa, erano giunti al pronto soccorso dell’ospedale cittadino un uomo e una donna attinti da colpi d’arma da fuoco. La donna identificata in FORTUGNO Fortunata classe 1970, era giunta cadavere, l’uomo invece, identificato in LOGIUDICE Demetrio classe 1965, era ferito alla spalla. Circa la dinamica dell’azione delittuosa, nel corso dei primi accertamenti svolti dalla Squadra Mobile - sotto le direttive della locale Procura della Repubblica - si apprendeva che la coppia stava seduta sul sedile posteriore del fuoristrada dell’uomo, in una zona isolata prossima al torrente Gallico dell’omonimo quartiere di Reggio Calabria, quando sopraggiungeva, a velocità moderata, un’autovettura dalla quale scendeva un uomo che esplodeva dai due ai quattro colpi di arma da fuoco. Un colpo attingeva mortalmente la donna alla testa e un altro feriva l’uomo alla spalla. Ancorché gravemente ferito, il LOGIUDICE riusciva ugualmente a mettere in moto l’autovettura e ad allontanarsi repentinamente dal luogo dell’agguato mentre il killer esplodeva contro il mezzo altri colpi di arma da fuoco. La corsa disperata verso l’ospedale non riusciva tuttavia a salvare la vita alla donna che giungeva cadavere al pronto soccorso. Le informazioni fornite nel corso delle audizioni dal LOGIUDICE, sopravvissuto all’agguato ed unico testimone del delitto, non consentivano di individuare l’esecutore materiale dell’omicidio o i mandanti che lo avevano deliberato, né l’ambito criminale in cui esso era maturato che, fin da subito, in ragione delle modalità esecutive tipicamente mafiose e della personalità dell’uomo, vittima dell’agguato, con precedenti di polizia per associazione mafiosa, non poteva non essere riconducibile a contesti di criminalità organizzata. Prendeva così gradualmente e fondatamente piede l’ipotesi che il vero obiettivo del killer fosse il LOGIUDICE. Parimenti non risolutive erano risultate le informazioni assunte da altri soggetti che potenzialmente potevano essere in grado di riferire circostanze utili alla ricostruzione dei fatti, con particolare riferimento alla vita privata delle vittime. Neanche i dati acquisiti dall’analisi dei tabulati del traffico telefonico generato dalle utenze cellulari in uso alla vittime erano utili per far luce sul complicato delitto. In assenza di elementi tecnici e testimoniali conducenti all’immediata soluzione del caso, veniva posta in essere dagli investigatori della Sezione Reati contro la Persona della Squadra Mobile reggina, un’imponente attività di acquisizione delle immagini riprese da circa settanta impianti di video sorveglianza pubblica e privata presenti nei luoghi prossimi e meno prossimi a quello in cui era stato perpetrato l’efferato delitto. L’accurata analisi dell’impressionante mole di immagini acquisite nei giorni immediatamente successivi al duplice delitto dagli impianti di video sorveglianza - per un totale di diverse centinaia di ore di filmati passati letteralmente sotto lente dagli inquirenti - e i riscontri ottenuti dai servizi di osservazione e controllo del territorio, consentivano agli investigatori della Sezione Omicidi della Squadra Mobile non solo di ricostruire le fasi dell’incontro delle vittime, ma anche di individuare in un’Audi A3 Sportback, in uso esclusivo a CHINDEMI Paolo, l’autovettura utilizzata dal killer la sera del 16 marzo u.s. per compiere prima il sopralluogo e subito dopo l’agguato in cui FORTUGNO Fortunata fu colpita a morte e LOGIUDICE Demetrio fu gravemente ferito. Più nello specifico, gli esiti della disamina certosina delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza, permettevano di ricostruire - con riferimento ai movimenti dell’autovettura delle vittime e di quella del killer - la fase dell’appuntamento dei due amanti, la fase del sopralluogo, dell’agguato e della fuga dell’attentatore, nonché quella della corsa verso l’ospedale del soggetto ferito a bordo della macchina con la donna esanime.   Molteplici attività tecniche di intercettazione ambientale locale e veicolare disposte dalla D.D.A. di Reggio Calabria consentivano agli investigatori della Squadra Mobile di raccogliere ulteriori e pregnanti elementi che, in combinazione con quelli già acquisiti dagli impianti di video sorveglianza con riferimento al mezzo utilizzato dal killer per compiere l’agguato, andavano a comporre un quadro indiziario grave, preciso e concordante a carico di CHINDEMI Paolo, quale esecutore materiale dell’efferato delitto. CHINDEMI Paolo é figlio di CHINDEMI Pasquale nato a Reggio Calabria il 13.02.1965, assassinato a Gallico, in un agguato, il 15 febbraio 2018. Nel corso di una conversazione ambientale captata in macchina, gli indagati - fra i quali CHINDEMI Paolo - facevano riferimento alla circostanza che la donna si stava voltando per guardare indietro quando è stata colpita, al fatto che la stessa sia morta per colpa dell’uomo con cui era in macchina, al quale aveva sostanzialmente fatto da scudo, salvandogli la vita. In un’altra conversazione ambientale, CHINDEMI Paolo riferiva (confessava) di aver commesso un omicidio. L’inchiesta sul duplice fatto di sangue ha portato altresì alla luce l’esistenza di un emergente gruppo mafioso, aderente alla ‘ndrangheta, dedito alla consumazione di delitti contro la persona e il patrimonio composto da CHINDEMI Paolo, CHINDEMI Mario, PELLEGRINO Santo e BILARDI Ettore Corrado detto “Pietro”. Le conversazioni captate nel corso delle articolate attività tecniche hanno dimostrato che lo scopo fondamentale della consorteria facente capo ai CHINDEMI era quello di affermare la propria leadership criminale, conquistando spazi sempre più ampi nel territorio di Gallico, anche con l’uso delle armi, pianificando azioni volte ad assumere il controllo delle attività estorsive in danno di imprenditori e commercianti del luogo e ad eliminare esponenti delle fazioni contrapposte. Le indagini consentivano di far luce anche su un atto intimidatorio posto in essere dal gruppo CHINDEMI, lo scorso 23 maggio, mediante l’esplosione di alcuni colpi di fucile contro le serrande di due garage di un condominio di cinque piani a Gallico.

            Nel corso delle indagini, gli operatori della Squadra Mobile riuscivano anche ad individuare e sequestrare alcuni motoveicoli che gli indagati - costituendo un gruppo di fuoco - avevano rubato per compiere azioni delittuose. Milita nel gruppo CHINDEMI, un pregiudicato di elevato spessore criminale qual’è BILARDI Ettore Corrado, già condannato a lunghi anni di reclusione per omicidio, genero del boss storico della ‘ndrangheta di Reggio Calabria don Mico (Domenico) TRIPODO, assassinato nel 1977 all’interno del carcere di Poggioreale su mandato dei DE STEFANO, nonché cognato di TRIPODO Venanzio, genero di ROMEO Sebastiano, patriarca della storica famiglia di ‘ndrangheta di San Luca (RC) intesa “I Stacchi”. Gli appartenenti al gruppo CHINDEMI - attraverso l’opera di qualificata mediazione del BILARDI - hanno intessuto relazioni con esponenti di affermate cosche della ‘ndrangheta operanti nei mandamenti tirrenico e ionico della provincia di Reggio Calabria. Il sodalizio criminale esercita sul territorio di Gallico una concreta capacità di intimidazione riscontrabile dagli atti intimidatori posti in essere dagli associati CHINDEMI Paolo, CHINDEMI Mario, BILARDI Ettore Corrado e PELLEGRINO Santo, nella prospettiva di creare assoggettamento nelle vittime e nell’intera comunità sociale, facendo costante ricorso all’uso delle armi illegalmente detenute (alcune sequestrate nel corso delle indagini) e ad atti intimidatori anche cruenti, per accrescere il prestigio criminale dell'associazione che tende ad accreditarsi come temibile ed effettivo centro di potere criminale da cui promana una diffusa intimidazione, che vuole mantenersi inalterata dopo l’uccisione di Pasquale CHINDEMI, padre di Paolo.

Conclusivamente:

  • CHINDEMI Paolo risponde del delitto di omicidio e tentato omicidio pluriaggravato anche dalle modalità mafiose (omicidio FORTUGNO Fortunata e tentato omicidio LOGIUDICE Demetrio) e di detenzione e porto della pistola utilizzata per commetterlo;
  • CHINDEMI Paolo, CHINDEMI Mario, PELLEGRINO Santo, BILARDI Ettore   Corrado detto “Pietro”, sono accusati di associazione mafiosa; detenzione e porto in luogo pubblico di armi da fuoco (pistole, revolver e fucili, clandestini e comuni da sparo) aggravati dalla modalità mafiose; detenzione illegale di segni distintivi e oggetti  in uso ai Corpi di Polizia (quattro casacche della DIA e un giubbotto antiproiettile) aggravati dalle modalità mafiose; furto di motocicli aggravato anche dalle modalità mafiose.

 

Sussistendo la gravità indiaziaria in ordine ai reati sopra indicati e il concreto pericolo che potessero darsi alla fuga, sulla base delle risultanze acquisite nel corso delle indagini, la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria ha disposto, in via d’urgenza, il fermo degli indagati che è stato eseguito, nel corso della notte, dagli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria. Dopo le formalità di rito in Questura, i soggetti fermati sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


04/07/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

19/11/2018 20:54:54