Questura di Ragusa

  • Via Ispettore Giovanni LIZZIO - 97100 Ragusa ( Dove siamo)
  • telefono: 0932673111
  • fax: 0932/673577
  • email: gab.quest.rg@pecps.poliziadistato.it - urp.quest.rg@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

2 scafisti per condurre un grande imbarcazione in legno con 329 migranti. La Polizia ferma un egiziano ed un eritreo. 3 fermati nel 2018; 112 nel 2017 (7 minori); 200 nel 2016 (29 minori).

fermo scafisti

Nel 2018 presso l’Hot Spot di Pozzallo hanno fatto ingresso 705 migranti in occasione di 3 approdi; nel 2017 erano arrivati 11.278 migranti in occasione di 47 approdi; nel 2016 erano arrivati 18.488 migranti in occasione di 56 approdi.

La Polizia a seguito dello sbarco di ieri ha raccolto gravi indizi di colpevolezza a carico di un cittadino egiziano e un cittadino eritreo. La nave militare spagnola ESPS Santa Maria, raggiungeva lo specchio di acqua dove era stato segnalato un barcone in legno carico di migranti in difficoltà ed iniziava le operazioni di soccorso che terminavano con il salvataggio di 329 migranti (197 uomini, 95 donne e 37 minori). La nave militare faceva rotta verso il porto di Pozzallo ove giungeva intorno alle ore 12,00 del 28.01.2018. Dopo le operazioni sanitarie di rito, i migranti venivano trasferiti presso il locale Hotspot per le operazioni di pre-identificazione. Gli uomini della Polizia di Stato - Squadra Mobile Questura di Ragusa - con la partecipazione di un’aliquota della Guardia di Finanza di Pozzallo ed una dei Carabinieri hanno sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria 2 scafisti. I migranti sono partiti dalla Libia pagando in media circa 400 dollari agli organizzatori che, per non rischiare di far trarre in arresto loro connazionali, offrono il viaggio gratis a chi, senza alcuna esperienza, si offre di condurre l’imbarcazione. Questa volta la professionalità nel condurre l’imbarcazione l’hanno dovuta acquisire poiché non tutti riescono a far navigare una barca in legno così grande. Per i gommoni è tutt’altra storia, le barche in legno necessitano di almeno due persone, il timoniere e chi cura il motore. Grazie alle testimonianze è emerso che una volta giunti in acque internazionali il comandante ha effettuato una telefonata a mezzo satellitare alle autorità di soccorso. Il secondo uomo dell’equipaggio ha tentato di eludere le indagini offrendosi come testimone ed accusando solo l’egiziano ma a nulla è valso il tentativo in quanto i poliziotti sono riusciti lo stesso ad appurare il suo coinvolgimento. Al termine delle indagini, gli scafisti sono stati sottoposti a fermo ed associati presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea competente territorialmente.

Nel 2018, 3 gli scafisti fermati in provincia di Ragusa. Lo scorso anno sono stati fermati 112 scafisti dalla Polizia Giudiziaria. Inoltre, sono in corso numerose attività in collaborazione con le altre Squadre Mobili siciliane della Polizia di Stato (coordinate dal Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine) al fine di permettere scambi informativi utili per gestire indagini sul traffico di migranti dalle coste straniere a quelle Italiane.


30/01/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

24/05/2018 00:37:40