Questura di Prato

  • Via Migliore di Cino n.10/12 - 59100 Prato ( Dove siamo)
  • telefono: Centralino - 05745555

Rapinano fiorentino in piazza Stazione. Arrestati due pregiudicati marocchini dalle Volanti

I due arrestati

I due marocchini arrestati dalle Volanti

Nella serata di sabato scorso, alle ore 22.45 circa, equipaggi delle Volanti sono stati inviati in piazza Stazione, presso lo scalo ferroviario Centrale, per segnalazione di rapina in danno di un cinquantaquattrenne fiorentino, ad opera di due magrebini che, avvicinatolo in strada con un banale pretesto, l’avevano poi aggredito, dapprima verbalmente, poi fisicamente, estraendo uno degli stranieri anche un coltello, minacciando l’italiano. Durante tali concitate fasi, i nordafricani hanno strappato dal collo dell’uomo la collanina d’oro, per poi allontanarsi in direzione centro città, facendo perdere momentaneamente le proprie tracce. La vittima della rapina, dopo aver fornito alla Volante le descrizioni degli autori del reato, perpetrato brandendo non solo il coltello ma anche una bottiglia di vetro contenente alcolici, ha concorso con il personale delle Volanti alle ricerche degli autori, riuscendo, oltre ad aver fornito la direzione di fuga, anche ad indicare i rapinatori e contribuendo, pertanto, ad un tempestivo intervento di più equipaggi nella zona adiacente a viale Montegrappa ed alla pista ciclabile, consentendo di rinvenire la coppia di malviventi, a piedi, all’intersezione con via Giuliano da Sangallo.

 

La coppia di magrebini ha opposto resistenza, tentando la fuga, prontamene impedita dagli operatori: nella circostanza, veniva rinvenuto un coltello a serramanico gettato poco prima a terra da un coautore.

 

Trovati ancora in possesso anche del ciondolo d’oro appena rapinato, i nordafricani sono stati condotti in Questura.

Il cittadino che ha subito la rapina riferiva in Questura di essere stato avvicinato dai due con una futile scusa e che in poco tempo iniziavano a percuoterlo e strattonarlo; attesa la resistenza, in particolare diretta ad impedire lo strappo della collana d’oro portata al collo, i due magrebini estraevano il coltello puntandolo verso la vittima.

Solo a questo punto, il rapinato desisteva per timore, consentendo ad uno dei due di sfilare la collana, prontamente passata al complice.

La vittima riusciva a chiamare il 113, ma anche quest’operazione veniva ostacolata dalla coppia di nordafricani, che riprendeva a percuoterlo per impedirgli di allertare i soccorsi.

Identificati compiutamente dagli Agenti per un trentaduenne marocchino, regolarmente soggiornante e per un ventottenne marocchino, entrambi di fatto s.f.d. e con precedenti specifici, sono stati riconosciuti come gli autori della rapina dalla vittima della vicenda, alla quale è stato poi restituito il ciondolo d’oro, mentre i due marocchini venivano tratti in arresto nella flagranza del reato di rapina aggravata in concorso.

Solo con l’arrivo del personale sanitario del 118, si riusciva  a rendere del tutto innocui i soggetti, sotto l’aspetto delle intemperanze psicomotorie, venendo quindi tradotti presso la locale Casa Circondariale, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

I due magrebini risultano avere a proprio carico diversi precedenti di Polizia per reati di natura e violenza analoga; allo stato, quest’Ufficio sta svolgendo i dovuti accertamenti investigativi per ascrivere alla coppia altri reati, commessi nel nostro territorio, con medesime modalità, i cui autori sono tuttora ignoti o da identificare.

Ciò premesso, si invitano la collettività ad allertare quest’Ufficio attraverso i tradizionali canali di comunicazione qualora ritengano di avere riconosciuto i due soggetti, di cui sono state fornite le fotografie, quali  autori di altri reati di natura predatoria.


09/07/2018
(modificato il 10/07/2018)

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

22/07/2018 12:29:40