Questura di Palermo

  • Piazza della Vittoria, 8 - 90134 Palermo ( Dove siamo)
  • telefono: 091210111
  • fax: 091210777
  • email: gab.quest.pa@pecps.poliziadistato.it;questore.pa@poliziadistato.it

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA PADRE E FIGLIO PER DETENZIONE DI QUASI 1 CHILO DI DROGA

LA DROGA ED IL DENARO SEQUESTRATI DALLA POLIZIA DI STATO

LO STUPEFACENTE E' CONSIDERATO DAI POLIZIOTTI PARTICOLARMENTE "PURO" E QUINDI, POTENZIALMENTE, MOLTO REMUNERATIVO

La Polizia di Stato, nell’ambito di mirate attività di prevenzione e contrasto al fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti, ieri pomeriggio, ha tratto in arresto i palermitani Gargano Carlo, cl.63 e Gargano Antonino, cl.88, padre e figlio, residenti in zona “Noce”, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Gli agenti del Commissariato di P.S. “Zisa-Borgonuovo”, nel corso dell’attività, hanno proceduto al controllo, in strada, di Gargano Antonino, il quale veniva trovato in possesso di una modica quantità di hashish. Durante le fasi del controllo, tuttavia, l’uomo ha manifestato evidenti segnali di insofferenza e nervosismo, suscitando il sospetto di volere nascondere alla Polizia qualcosa di ben più grave di pochi grammi di hashish. Si riteneva, pertanto, di approfondire e di effettuare un accurato controllo dell’uomo, anche domiciliare. L’uomo affermava di non avere con se’ le chiavi di casa e contattava, pertanto, il padre Carlo che, in breve, raggiungeva il figlio. Questi recitava lo stesso copione del figlio, fingendo di non avere le chiavi e, solo dopo avere appreso della concreta possibilità che la porta di casa venisse aperta con la forza dai Vigili del Fuoco, estraeva un mazzo di chiavi e consentiva l’accesso ai poliziotti. Ben occultati dentro un armadio della camera da letto e, parzialmente, all’interno del meccanismo di un orologio da tavolo del salone, i poliziotti rinvenivano 4 involucri di plastica trasparente contenenti cocaina, altri 4 di eroina e un piccolo panetto di hashish, per un peso complessivo di quasi 1kg. di stupefacente, considerato particolarmente “puro”, e quindi molto remunerativo, una volta inserito nelle piazze dello spaccio. Oltre allo stupefacente, i poliziotti rinvenivano e sequestravano la somma di 500,00 euro, ritenuto, presumibile, provento di spaccio. Durante la perquisizione domiciliare emergeva anche, così come sarebbe stato certificato da tecnici Enel fatti giungere nell’abitazione dai poliziotti, una manomissione del contatore. Per questo motivo, Gargano Carlo dovrà risponedere, anche, di furto aggravato. Indagini sono in corso per appurare i contorni del meccanismo di spaccio, alimentato dai Gargano.


14/07/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/11/2017 13:04:44