Questura di Macerata

  • Piazza della Libertà, 15 - 62100 Macerata ( Dove siamo)
  • telefono: 073325411
  • email: urp.quest.mc@pecps.poliziadistato.it

Servizi di prevenzione e di controllo del territorio nella provincia di Macerata in occasione del capodanno.

113

comunicato stampa del 2 gennaio 2018

In ossequio a direttive dipartimentali, che hanno disposto di rafforzare i controlli in vista del periodo natalizio, dall’inizio del mese di dicembre è stato incrementato il dispositivo di sicurezza, grazie anche ai rinforzi inviati dal Dipartimento della P.S., appartenenti al Reparto Prevenzione Crimine Umbria Marche con sede a Perugia ed alle unità cinofile delle Questure limitrofe.

Le attività di controllo della Polizia di Stato si sono svolte durante il capodanno e proseguiranno anche nel week end dell’epifania, al fine di assicurare la necessaria sicurezza ai cittadini delle provincia in occasione delle festività.

È stata assicurata la presenza delle Forze di Polizia ed un’attività di controllo in occasione di tutti gli eventi legati ai festeggiamenti per il capodanno presso le piazze cittadine, nei centri storici, presso i locali di pubblico spettacolo e in occasione degli eventi di maggior rilievo.

I servizi in questione sono stati pianificati mediante apposite riunioni in Prefettura ed in Questura e disposti con ordinanze del Questore Vuono. Il lavoro della Polizia di Stato, nel rispetto delle direttive emanate dal Capo della Polizia ha riguardato in primis l’attività di prevenzione nei luoghi di aggregazione maggiormente affollati, per contrastare il rischio terroristico e dei fenomeni criminali in genere.

L’attività di vigilanza coordinata dal Dr. Di Giuseppe Gabriele della Questura di Macerata nei confronti degli esercizi commerciali dediti alla vendita dei fuochi pirotecnici e di materiale esplodente, con la collaborazione del personale specializzato del Nucleo Artificieri proveniente da Ancona, ha portato al controllo di 7 attività sul territorio provinciale. Nel corso di tali controlli, in cui sono stati verificati anche i depositi del materiale esplodente, sono state denunciate due cittadini italiani, titolari dei rispettivi esercizi pubblici, per violazioni delle prescrizioni dell’Autorità di Pubblica Sicurezza inerente l’attività di vendita al dettaglio del materiale pirotecnico.

Nel corso di tali attività sono stati inoltre scoperti due minorenni che dal loro balcone di casa si divertivano nel lancio di petardi verso le auto in corsa, le quali per schivare il lancio, effettuavano pericolose e repentine sterzate. La medesima auto civetta in servizio della Polizia di Stato mentre transitava è stata colpita sul parabrezza da un petardo, a causa del lancio pericoloso effettuato dai due ragazzi. Fortunatamente non si sono verificati incidenti né danni.

Quanto poi ai locali di pubblico spettacolo che hanno caratterizzato la movida in Provincia, numerose sono state le irregolarità rilevate, soprattutto in materia di personale adibito a vigilanza, come previsto dalla normativa che ne regola l’impiego. Sono state denunciate 2 persone, le quali nonostante fossero privi dei requisiti di legge previsti e pregiudicate, esercitavano, in maniera abusiva la professione di addetto alla sicurezza nei locali di intrattenimento sottoposti a controlli. Gli stessi sono stati denunciati per minaccia, resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale.

Sono state elevate, altresì, nell’ambito delle suddette attività di controllo alcune sanzioni di natura amministrativa, in quanto sono state accertate irregolarità nella corretta gestione dei servizi di controllo poste in essere dagli addetti alla sicurezza, all’interno dei locali.

Complessivamente nel week end di capodanno sono state identificate nr. 250 persone, controllati 100 veicoli, nr. 10 esercizi pubblici, a carico dei quali sono state elevate nr. 7 violazioni amm/ve pecuniarie per oltre 5.000 euro.

Decine sono stati i controlli effettuati nei confronti delle persone sottoposte agli arresti domiciliari.

Sono stati denunciate altresì in stato di libertà nr. 08 persone, tra cui nr. 2 italiani per tentata truffa e violenza privata in quanto, simulando la qualità di addetti alla regolazione del traffico (con tanto di pettorina gialla indossata) , bloccavano le auto in mezzo alla strada che circolavano in prossimità di un noto centro commerciale, per poi chiedere somme di denaro per una non meglio precisata Onlus di cui dichiaravano farne parte.

Sono stati altresì irrogate n.7 misure di prevenzione dal Questore Vuono, di cui n.4 avvisi orali e n.3 fogli di via obbligatori nei confronti di persone pregiudicate e ritenute pericolose per la pubblica sicurezza. I provvedimenti sono stati predisposti dal Dr. Innocenzi Dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Macerata.

 


08/01/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

23/02/2018 01:14:41