Questura di L'Aquila

  • Via Strinella n.1 - 67100 L'Aquila ( Dove siamo)
  • telefono: 08624301
  • email: gab.quest.aq@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

SULMONA: ESEGUITE DUE MISURE DI CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE NEI CONFRONTI DEGLI AUTORI DELL’INCURSIONE AVVENUTA AL CENTRO DI ACCOGLIENZA PER RICHIEDENTI ASILO DI SULMONA

Nella mattinata odierna, personale del Settore Anticrimine del Commissariato di P.S. di Sulmona ha tratto in arresto due uomini un 38enne e 45enne, entrambi domiciliati a Sulmona, in esecuzione dell’Ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Sulmona, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica di Sulmona,  per il reato di tentato omicidio aggravato nei confronti di un cittadino straniero.

I fatti risalgono alla sera del 12 giugno scorso, quando i due indagati, armati di una pistola scacciacani e due coltelli a serramanico, si introdussero all’interno del centro di accoglienza per richiedenti asilo “IPAB Casasanta” di Sulmona.

Nell’occasione, non trovando un cittadino straniero, in quel momento non presente nella struttura, costrinsero, sotto la minaccia delle armi, alcuni degli ospiti a entrare in un bagno e non ricevendo risposte su dove si trovasse, l’uomo che impugnava la pistola la scarrellava come per armarla.

 A questo punto uno degli ospiti della struttura tentava di disarmarlo, ma veniva attinto al fianco sinistro con un coltello a serramanico dall’altro indagato, in quel momento posizionato alle sue spalle.

Subito dopo i due aggressori, gettate a terra le armi, cercavano di fuggire ma venivano bloccati dagli altri ospiti del centro fino all’arrivo della Volante del Commissariato di P.S. di Sulmona.

Il cittadino straniero veniva medicato presso il locale pronto soccorso e dimesso con una prognosi di 7 giorni.

A conclusione delle indagini, il personale del Commissariato di P.S. di Sulmona denunciava alla locale Procura del Repubblica i sopracitati, per i reati di violenza privata aggravata e porto abusivo di armi.

La Procura della Repubblica, all’esito degli ulteriori accertamenti disposti ha inoltre contestato l’aggravante per aver agito con finalità di discriminazione e odio razziale, circostanza emersa dall’analisi di alcuni post, successivamente pubblicati su Facebook da uno degli arrestati.

I due, uno dei quali pregiudicato per diversi reati, anche di natura violenta, sono stati associati presso la casa di reclusione di Sulmona a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


04/08/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

26/09/2018 10:53:57