Questura di Imperia

  • Piazza del Duomo, 14 - 18100 IMPERIA ( Dove siamo)
  • telefono: 01837951
  • fax: 0183795592
  • email: urp.quest.im@pecps.poliziadistato.it

Sanremo: operazione della Polizia di Stato.

Blitz della Polizia di Stato.

Sanremo: operazione della Polizia, i dettagli del blitz

E' pari a 300mila euro il valore della merce sequestrata quest'oggi dagli agenti del Commissariato di Sanremo, insieme ai colleghi di tutta la provincia, della Questura, della Polizia di Frontiera e Postale, insieme ai reparti mobili di Genova e Torino ed il Nucleo Prevenzione Crimine di Genova, nei confronti di 49 cittadini senegalesi, che vivevano stipati i 6 appartamenti tra la città vecchia ed il quartiere della Marina. 300mila euro che potrebbe essere stato il 'giro d'affari' mensile dei fermati.

Sono stati appunto 6 gli appartamenti sottoposti a sequestro cautelativo, in attesa di eventuale confisca, dove vivevano i 49 fermati, di cui 23 clandestini. Sono stati sequestrati 3.000 pezzi di griffes contraffatte, tra occhiali, orologi, borse, cinture ed altro, circa 5.000 euro in contanti ed altro. Tra i fermati anche una minorenne di 17 anni mentre 18 sono stati gli arresti.

170 gli uomini impiegati in un'operazione scattata a marzo, anche grazie ai Poliziotti di quartiere ed alla Polizia Postale. Di questi: 94 hanno partecipato al blitz (44 componenti della Questura di Imperia, Polizia Postale e Commissariato, 40 dei reparti mobili di Torino e Genova, 10 della Pg della Procura, 8 del Nucleo Prevenzione Crimine di Genova e 60 agenti della Questura di Imperia).

Oltre ai 3.000 pezzi sequestrati oggi, infatti, ci sono da aggiungere altri 5.000 pezzi, sequestrati dal marzo scorso. Sono stati 8 gli arresti, 8 i fermi di Polizia Giudiziaria e 2 le misure cautelari. Il reato ipotizzato è di associazione a delinquere finalizzata alla vendita di prodotti contraffatti. Secondo le indagini svolte dagli inquirenti, i senegalesi avevano stabilito accordi con i produttori del casertano. La merce veniva spedita tramite corrieri espressi, in pacchi anonimi, individuati grazie alle intercettazioni telefoniche.

"Il Gip ha ritenuto una associazione per delinquere con una serie di reati per ricettazione in tutto il ponente - hanno riferito gli inquirenti - ed è la prima volta che è stata mossa questa contestazione. Esiste anche sfruttamento del lavoro che vede l'arricchimento spropositato di poche persone che hanno il disprezzo della dignità umana. L'attività di indagine proseguirà, perché i senegalesi che vivono illegalmente sono il terminale di questa attività".

Grande soddisfazione per il Questore, Luigi Mauriello: "L'operazione proseguirà domani, vista l'opera di identificazione e l'accompagnamento nei centri di raccolta, al centro più vicino, a Gradisca di Isonzo in Friuli". Sarà un servizio operato da 20 agenti. Domani verranno trasferiti i primi 10 senegalesi. "Siamo consci di dover continuare questa attività contro la contraffazione e l'immigrazione clandestina - prosegue il Questore -. Se da una parte c'è l'interesse all'integrazione, dall'altra noi dobbiamo far rispettare la Legge. Il messaggio è chiaro: se non la si finirà con questi illeciti, avremo molte altre operazioni di questo genere".

Per quanto riguarda gli appartamenti è stato emesso decreto di sequestro preventivo, per evitare che venga utilizzato come deposito e come domicilio di irregolari. In un secondo tempo verrà verificata la consapevolezza dei proprietari su quanto accadeva all'interno, anche se in molti casi c'è un apparente contratto regolare di locazione. Gli appartamenti sono in via Gaudio, via Ciro Menotti, vicolo Balilla e via Arnaldo Da Brescia.


26/08/2009
(modificato il 27/08/2009)

Gallerie

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

26/06/2019 12:24:38