Questura di Gorizia

  • Piazza Cavour n.8 - 34170 Gorizia ( Dove siamo)
  • telefono: 0481595111
  • email: gab.quest.go@pecps.poliziadistato.it

Serie di truffe agli anziani: la traccia virtuale alla base dell'individuazione dei responsabili

Gorizia - Truffe agli anziani

Si tratta di un gran numero di truffe perpetrate, o in alcuni casi fortunatamente solo tentate, con l’ormai consolidato metodo del “falso avvocato” o “falso carabiniere”, perché spesso nella componente recitativa dei truffatori non mancano questi due soggetti, di volta in volta diversamente menzionati.

Sono state commesse in provincia di Gorizia a partire dai mesi di maggio e giugno del 2016, quando parallelamente sono iniziati anche gli accertamenti, e nel primo periodo non erano andate a buon fine.

Nel corso del 2017 le truffe sono nuovamente riprese, questa volta concluse per lo più positivamente per i delinquenti. Ci si riferisce in particolare ad undici truffe consumate e due tentate a Gorizia e in provincia, motivo per cui la Squadra Mobile della Questura di Gorizia ha indagato in tutto venti persone.

Nel certosino lavoro d’analisi e documentazione sono stati riscostruiti ulteriori quattordici episodi commessi fuori provincia, per cui sono state indagate ventisei persone, quattordici delle quali indagate anche per aver commesso fatti a Gorizia.

Sono state interessate, in particolare, le province di Udine, Pordenone, Trieste, Venezia, Vicenza, Modena, Bergamo, Padova, Lecco, Livorno, Imperia, Genova, Asti e Cuneo, rapportandosi direttamente con gli omologhi uffici investigativi di quelle Squadre Mobili.

Il modus operandi dei truffatori è ormai noto: si anticipa una telefonata all’utenza domiciliare della vittima e le si racconta, con dovizia di particolari in grado di provocare forti emozioni, l’incidente occorso a un proprio caro, ovvero una disavventura legale con gravi conseguenze personali ed economiche perché ritenuto responsabile.

Al racconto segue la richiesta di denaro, a volte direttamente anche quella di preziosi in aggiunta ai soldi, necessari per estinguere positivamente la vicenda.

Il tutto si conclude con la visita a domicilio di un sedicente incaricato che ritira i valori.

Le indagini hanno richiesto un particolare impegno concentrato in special modo nella ricerca delle tracce virtuali che gli autori, consapevoli o in taluni casi ignari delle risorse oggi disponibili, hanno lasciato nel loro percorso criminale, dalle località di origine fino a quelle di commissione dei delitti.

Preme sottolineare la valenza di contrastare l’odiosa condotta illecita che colpisce gravemente gli anziani non solo nell’aspetto economico ma, soprattutto, con danno al benessere personale e, in taluni casi, alla salute fisica provata da un evento ad alto impatto.

Le attività proseguono coordinate dalla Procura della Repubblica di Gorizia, che fino a questo momento ha già disposto l’assoggettamento a misure cautelari per sei soggetti, e continuamente si risolvono altri episodi perché il fenomeno è tutt’altro che estinto.


09/04/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

19/11/2018 08:18:03