Questura di Firenze

La Polizia di Stato sventa una rapina in banca a Porta al Prato: arrestati i due rapinatori

Il Questore Alberto Intini si congratula con i suoi agenti

Il Questore Alberto Intini si è subito congratulato con i suoi uomini. Il coordinamento tra la Sala Operativa e gli agenti delle volanti e della UOPI, non ha lasciato scampo ai rapinatori

Irruzione, nel primo pomeriggio di venerdì scorso, nella filiale di Porta al Prato della Cassa di Risparmio di Firenze: due uomini, con il volto coperto da maschere, sono entrati nella banca; uno era armato di pistola.

A dare l'allarme al 113 è stata la direzione centrale della stessa banca dopo la brusca ed anomala interruzione delle comunicazioni telefoniche.

Secondo quanto ricostruito dalle testimonianze, uno dei malviventi avrebbe rinchiuso dipendenti e clienti in una stanza, mentre l'altro sarebbe rimasto con il cassiere attendendo l'apertura della cassaforte temporizzata. 

Quando i rapinatori hanno sentito in lontananza le sirene delle volanti e dell'Unità Operativa di Pronto Intervento (UOPI) si sarebbero tolti le maschere, nascosto le armi e, una volta liberato le altre persone, mischiati tra loro come se fosse tutto in regola.

L'esperienza del responsabile della Prima Squadra Volante è stata determinante: sorpreso dall'anomala reazione del direttore ad un suo cenno d'intesa, l’ispettore (nome in codice: “ALFA21”) ha fatto scattare una vera e propria azione di accerchiamento coordinandosi con la Sala Operativa “HH23”.

 

  • ALFA21: …all’interno vedo l’impiegato mi guarda strano, non fa nessun cenno, fai avvicinare l’UOPI.! …Non posso escludere che all’interno ci sia qualcuno…
  • SALA OPERATIVA HH23: …facciamo massima attenzione, massima attenzione…

 

Gli agenti UOPI, specializzati in operazioni antiterrorismo, hanno subito bloccato con il loro mezzo blindato l'ingresso della banca.

 

  • ALFA21: …vedo due uomini calvi… sono dietro al bancone al centro della sala… si sta aprendo la porta… UOPI in posizione!

 

Armi in pugno, in pochi istanti i poliziotti hanno costretto i rapinatori alla resa “incondizionata”.

 

  • ALFA21: …uno fuori… un secondo messo a terra! …due rapinatori ammanettati…
  • SALA OPERATIVA HH23: …bene, bene… bravi!

 

In manette - tra gli applausi della gente e le congratulazioni della Sala Operativa della Questura di Firenze - sono subito finiti due uomini di 30 e 46 anni, entrambi originari della Capitale e già noti alle forze dell’ordine.

La polizia è stata poi costretta a far uscire tutti i clienti e i dipendenti dalla filiale per bonificare l'area ed escludere così che possibili complici si fossero nascosti all’interno. 

La Polizia Scientifica ha ritrovato la pistola semiautomatica abbandonata tra gli schedari oltre ad un trincetto, due maschere in lattice e un disturbatore di frequenze.


25/08/2018
(modificato il 28/08/2018)

23/09/2018 20:16:04