Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 Ferrara ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

Poliziotti liberi dal servizio arrestano spacciatore tunisino

spaccio sulle mura cittadine

Arrestato trentaseienne tunisino in flagranza di reato di spaccio

Alle ore 21.30 circa del 9 settembre, due poliziotti dipendenti a quest’Ufficio, liberi dal servizio, mentre effettuavano una corsa sulle mura cittadine nel tratto che da C.so Porta Mare porta in direzione di Via Bacchelli, avevano modo di notare un uomo con i tratti somatici nordafricani che sostava in una zona priva di pubblica illuminazione ed al loro passaggio si nascondeva dietro un albero.

I due poliziotti, quindi, simulavano di non aver notato nulla di sospetto e fingevano di proseguire la corsa, ma dopo poco tornavano indietro e notavano il giovane di colore cedere degli involucri a due ragazzi.

Immediatamente l’uomo veniva bloccato ed i due ragazzi riferivano che stavano acquistando dell’erba dallo stesso. Venivano immediatamente recuperati i 7 involucri che nel frattempo uno dei due ragazzi (acquirenti) stava riponendo all’interno di un proprio pacchetto di sigarette.

Sul posto nel frattempo giungeva una pattuglia delle Volanti la quale provvedeva ad accompagnare in Questura il trentaseienne tunisino, responsabile dello spaccio della sostanza stupefacente del tipo cannabinoidi.

I due giovani ferraresi, acquirenti dei sette involucri (pari ad un peso complessivo di 19 grammi), riferivano ai Poliziotti di avere pagato la somma 220 euro, somma che purtroppo non è stato possibile recuperare in quanto l’extracomunitario dopo averla ricevuta, si era allontanato a nasconderla per prelevare la sostanza stupefacente destinata allo scambio.

Una volta in Questura dagli accertamenti effettuati, a carico del tunisino gravava un Ordine del Questore di Ferrara a lasciare il territorio nazionale e che lo stesso è stato più volte fotosegnalato nonché già arrestato in flagranza di reato per spaccio di sostanze stupefacenti.

Alla luce di quanto sopra esposto il trentaseienne tunisino veniva tratto in arresto in flagranza di reato di spaccio di sostanza stupefacente ed indagato in stato di libertà per il reato p.p. dall’art. 14 comma 5 quater D.L.vo 286/98.

i due acquirenti, entrambi cittadini italiani rispettivamenti un ventenne e un ventiduenne, venivano segnalati alla locale Prefettura, per gli adempimenti di competenza, quali assuntori di sostante stupefacenti per uso personale.


10/09/2016

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

23/09/2017 14:58:14