Questura di Crotone

  • Largo Pastificio n.20 - 88900 Crotone ( Dove siamo)
  • telefono: 09626636111
  • fax: 09626636777
  • email: gab.quest.kr@pecps.poliziadistato.it

ATTIVITÀ SVOLTA NELL’ARCO DELLA SETTIMANA (Servizi di controllo del territorio e Piano d’azione nazionale e transnazionale Focus ‘ndrangheta)

Nel corso di questa settimana, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e del “Piano di Azione Nazionale e Transnazionale - Focus ‘Ndrangheta”, sono stati conseguiti i seguenti risultati:

 

- arrestate nr. 6 persone;

- deferite nr. 03 persone;

- controllate nr. 05 persone sottoposte a misure di sicurezza;

- identificate nr. 1762 persone;

- controllati nr. 193 veicoli (anche con sistema Mercurio);

- effettuati numerosi posti di controllo;

- elevate nr. 30 sanzioni per violazioni al Codice della Strada;

- eseguiti nr. 02 fermi/sequestri amministrativi e/o penali;

- effettuate nr. 16 perquisizioni;

- accompagnate nr. 04 persone in Questura per identificazione;

- eseguite nr. 34 espulsioni con Ordine del Questore;

- eseguiti nr. 55 respingimenti con Ordine del Questore;

- effettuati nr. 06 controlli amministrativi e, contestualmente, elevate nr. 03 sanzioni amministrative.

 

 

Nella giornata del 2 luglio u.s., personale della Squadra Mobile ha dato esecuzione all’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Catanzaro in data 26.06.2018, nei confronti di B.O., nato nel 1961, K. V., nato nel 1981 e R.I.  classe 1992, tutti ucraini;

indagati del delitto di cui all’art. 416, c. 1 e 6 c.p. (poiché unitamente ad altri soggetti in corso di identificazione, operanti in Turchia e altre zone del Medio Oriente, si associavano al fine di commettere più delitti volti a procurare l’accesso illegale di stranieri nel territorio italiano) e artt. 110 c.p. e 12 c. 1, 3 lett. a), b) e d), 3 bis e 3 ter del D. Lgs. 286/98 (favoreggiamento aggravato all’immigrazione clandestina) per aver organizzato ed effettuato il trasporto, dalla Turchia fino al territorio dello Stato Italiano a bordo di una imbarcazione battente bandiera USA, di nr. 45 cittadini extracomunitari privi di cittadinanza italiana e titolo per risiedere permanente sul territorio nazionale.

Il citato provvedimento è stato notificato presso la Casa Circondariale di Crotone, atteso che i predetti erano già stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto da personale della Squadra Mobile e dai militari dell’Unità Navale della Sezione Operativa della Guardia di Finanza di Crotone, in data 15.06.2018, per i delitti di cui agli artt. 110 c.p. e 12 c. 1 e 3, D. Lgs. 286/98, quali scafisti dello sbarco avvenuto presso il porto di questo centro il 14.06.2018.

 

Nella medesima giornata, personale dipendente ha dato esecuzione all’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, nonché alla notifica del decreto di sequestro preventivo nr. 3149/18 R.G.N.R. D.D.A., nr. 2685/18 R.G. G.I.P. e nr. 109/18 R.M.C. emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Catanzaro in data 02.07.2018, nei confronti di T.G., nato in Siria nel 1982, indagato del delitto di cui agli artt. 110 c.p. e 12 c. lett. a), b), c), co. 3 bis Lgs. 286/98 (favoreggiamento all’immigrazione clandestina) per aver organizzato ed effettuato il trasporto, dalla Turchia fino al territorio dello Stato Italiano a bordo di una imbarcazione battente bandiera USA, di nr. 20 cittadini extracomunitari privi di cittadinanza italiana e titolo per risiedere permanente sul territorio nazionale.

Il citato provvedimento è stato notificato presso la Casa Circondariale di Crotone, atteso che il predetto era già stato tratto in arresto da personale della Squadra Mobile in data 13.06.2018, per i delitti di cui agli artt. 81 cpv. e 110 c.p. e 12 c. 1 - 3 - 3 bis, D. Lgs. 286/98, quale scafista dello sbarco avvenuto in pari data presso il porto di “Le Castella” di Isola di Capo Rizzuto (KR).

 

In riferimento allo sbarco avvenuto nel porto di questo centro nella mattinata del 03 luglio 2018, che ha interessato l’arrivo di n. 73 cittadini extracomunitari di varie nazionalità, per la maggior parte irachena, pakistana e curda, personale di questa Squadra Mobile, in collaborazione con i militari dell’Unità Navale della Sezione Operativa della Guardia di Finanza di Crotone, a conclusione di intensa attività investigativa, nella serata della stessa giornata, ha tratto in arresto in flagranza di reato, i seguenti cittadini ucraini, indagati in concorso tra loro e con altri soggetti allo stato ignoti, dei reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ai sensi degli artt. 110 c.p. e 12 c. 1 e 3 D. Lgs. 286/98:

1. H.H., nato a Odessa (Ucraina) nel 1976;

2. M.M., nato a Odessa (Ucraina) nel1983.

Dopo le formalità di rito, i due arrestati venivano associati, su disposizione del P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, alla Casa Circondariale di Crotone.

Nella giornata di ieri, al termine del giudizio direttissimo, gli stessi patteggiavano la pena di anni 3 e venivano ri-associati alla locale Casa Circondariale.

 

Nella giornata del 3 e 5 luglio 2018 Personale della Divisione P.A.S.I., unitamente a personale della Guardia di Finanza e a personale dell’A.A.M.S. di Catanzaro ha effettuato controlli amministrativi presso alcune attività commerciali tra cui:

- due circoli privati con attivi un punto di ricarica conti online. Al termine dei controlli, si procedeva al sequestro amministrativo di nr. 7 postazioni internet, complete di case, display Lcd, tastiera e mouse. Quanto sopra poiché si accertava che i responsabili, in “qualità di presidente pro - tempore dei circoli privati in argomento, mettevano a disposizione all’interno dei circoli, apparecchiature che, attraverso la connessione telematica, consentivano ai soci di giocare sulle piattaforme di gioco messe a disposizione dei concessionari on-line, da soggetti autorizzati all’esercizio dei giochi a distanza, ovvero da soggetti privi di qualsiasi titolo autorizzatorio rilasciato dalle competenti autorità”. I titolari venivano invitati a portarsi presso questi uffici al fine di procedere alle relative contestazione di violazione alle norme amministrative per un importo edittale pari ad euro 20.000,00 ciascuno, corrispondenti ad euro 6.666,66 per ognuno in misura ridotta.

 

Personale della Divisione P.A.S.I., unitamente a personale della Squadra Mobile, della Guardia di Finanza e a personale dell’A.A.M.S. di Catanzaro ha effettuato controlli amministrativi presso un’attività commerciali ubicata in Cirò Marina (KR). Al termine del controllo, si procedeva al sequestro amministrativo di nr. 3 postazioni internet, complete di case, display Lcd, tastiera e mouse. Quanto sopra poiché si accertava che “il titolare dell’attività in argomento, metteva a disposizione all’interno del bar, apparecchiature che, attraverso la connessione telematica, consentivano agli avventori di giocare sulle piattaforme di gioco messe a disposizione dei concessionari on-line, da soggetti autorizzati all’esercizio dei giochi a distanza, ovvero da soggetti privi di qualsiasi titolo autorizzatorio rilasciato dalle competenti autorità”. Il titolare veniva invitato a portarsi presso questi uffici il giorno 11.07.2018 al fine di procedere alla relativa contestazione di violazione alle norme amministrative per un importo edittale pari ad euro 20.000,00 corrispondenti ad euro 6.666,66 in misura ridotta

 

Nella giornata del 6 luglio u.s., personale della Squadra Volanti ha deferito all’A.G., G.B. crotonese del 1970, per il porto di armi od oggetti atti ad offendere.

 

Medesimo personale, nella stessa giornata, ha deferito in stato di libertà V.C. catanese classe ‘88, per false dichiarazioni sulla propria identità.

 

 

 

 

 

Crotone, 07.07.2018.


07/07/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

23/09/2018 02:50:55