Questura di Cosenza

  • Via Giovanni Palatucci, 8 - 87100 Cosenza ( Dove siamo)
  • telefono: 0984898011
  • email: gab.quest.cs@pecps.poliziadistato.it

Rossano (CS) Emesse ordinanze di custodia cautelare.

Rossano Emesse ordinanze di custodia cautelare.

La Polizia di Stato della Questura di Cosenza, in particolare personale della Polizia Giudiziaria del Commissariato di Rossano, con l’ausilio della Squadra Volante e del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, ha tratto in arresto AMMIRATO Alfonso  di anni 34; ABASTANTE Giuseppe, di anni 23; BARBIERI Giuseppe, di anni 23; BUONTEMPO Mario, di anni 27; MANISCO Massimo, di anni 34, colpiti dall’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere nr.  5216/17 R.G.N.R. e nr. 3227/17 R.G. G.I.P., emessa in data 07.12.2017 dal G.I.P. presso il Tribunale di CASTROVILLARI Dr. Luca COLITTA perché responsabili del delitto di estorsione aggravata, continuata, in concorso e rapina, p.e p. dagli artt. 56,81,110, 629 co. II, in relazione all’art. 628 co.III, nonché l’AMMIRATO Alfonso di lesioni personali, artt. 582 e 585 c.p., in danno dei  titolari di alcuni esercizi commerciali ubicati in Rossano.

In particolare nello scorso mese di novembre una delle vittime richiedeva l’intervento degli uomini della Squadra Volante del Commissariato di Rossano per un’aggressione in atto nella sua attività commerciale nei suoi confronti e di un concittadino  al momento presente nel locale. Nell’occasione la vittima denunciava delle richieste estorsive effettuate dall’Ammirato Alfonso, con minacce di morte. I due cittadini pachistani venivano brutalmente aggrediti con calci e pugni tanto da dover ricorrere alle cure mediche presso il locale Pronto Soccorso. Le successive attività d’indagine sull’accaduto, curate dal personale della Polizia Giudiziaria del  Commissariato di Rossano, consentivano di ricostruire altri episodi estorsivi, subiti nel corso del tempo e seguiti da danneggiamenti all’attività commerciale.

Le risultanze investigative venivano trasmesse alla Procura della Repubblica di Castrovillari, diretta dal Dr. Eugenio FACCIOLLA, ed al P.M. d.ssa Simona MANERA, che richiedevano le opportune misure cautelari al GIP presso il Tribunale di Castrovillari Dr. Luca COLITTA, il quale emetteva le O.C.C.C. a carico degli odierni arrestati. Gli stessi, riconosciuti responsabili materiali delle richieste estorsive e delle lesioni, venivano tratti in arresto presso le rispettive abitazioni e tradotti, dopo le formalità di rito presso la casa di reclusione di Castrovillari a disposizione dell’A.G. mandante. 

 

 

 


12/12/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

21/04/2018 17:16:45