Questura di Cosenza

  • Via Giovanni Palatucci, 8 - 87100 Cosenza ( Dove siamo)
  • telefono: 0984898011
  • email: gab.quest.cs@pecps.poliziadistato.it

Rossano (CS) Arrestato per maltrattamenti in famiglia.

Rossano (CS) Arrestato per maltrattamenti in famiglia.

Gli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Rossano, diretto dal Commissario Capo dr. Giuseppe Massaro, hanno eseguito, nella tarda serata di ieri, la misura cautelare della custodia cautelare in carcere nei confronti di P.O., di anni 47, per il reato di maltrattamenti in famiglia, richiesta dal Procuratore della Repubblica presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Castrovillari dr. FACCIOLLA ed emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Castrovillari dr. COLITTA.

Nella notte tra il 27 ed il 28 novembre, il personale della Squadra Volante del Commissariato P.S. di Rossano, a seguito di una segnalazione giunta al 113, interveniva in un appartamento della cittadina Jonica.

Sul posto gli operatori di Polizia trovavano una donna ed il proprio figlio minorenne in lacrime, terrorizzati e giacenti a terra, mentre l’arrestato, dopo averli scaraventati sul pavimento, continuava a minacciarli.

La donna, che aveva subito nell’occorso contusioni cranio-facciali, dopo le cure del personale sanitario, denunciava presso il Commissariato di Rossano una sequenza temporale di violenze e minacce subite da parte dell’uomo a causa della sua gelosia e della sua indole violenta.

Nell’immediatezza gli uomini della Polizia di Stato, sentito il PM di turno dr. IANNOTTA, operavano a carico dell’uomo, la misura precautelare dell’allontanamento d’urgenza dalla casa di famiglia, per poi eseguire nella tarda serata di ieri, vista la pericolosità del soggetto ed il pericolo per l’incolumità della donna, l’ordinanza applicativa della misura custodia cautelare in carcere.

Quotidianamente fra le mura domestiche di molte famiglie si consumano violenze come quella descritta. Tali tragedie si prolungano anche per anni grazie al “muro del silenzio” ed all’indifferenza di chi circonda le vittime.

Non denunciare soprusi ed angherie  potrebbe portare a violenze ancora più gravi, e vittime inconsapevoli potrebbero essere minori che subiscono violenza psicologica, essendo segnati indelebilmente per la vita.

Per tali motivi le donne e gli uomini della Polizia di Stato giornalmente sono impegnati in prima linea contro la violenza di genere, non solo in campagne informative, promosse negli istituti scolastici, nelle piazze e per le strade, ma anche con il personale operativo che prontamente interviene ad ogni richiesta di aiuto.

Il Questore della provincia di Cosenza dr. Giancarlo Conticchio, invita le donne ed i figli che subiscono violenze di qualunque genere, non solo all’interno del nucleo familiare, a denunciare all’Autorità Giudiziaria ed alle Forze dell’Ordine i maltrattamenti subiti.  

Anche solo una telefonata alle Forze di Polizia, seppur fatta in forma anonima, può interrompere “il cammino” della violenza, impedendo  che maltrattamenti si tramutino in reati ancora più gravi.

             

 

 


02/12/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

13/12/2017 21:50:56