Questura di Chieti

  • Piazza Umberto I - 66100 Chieti ( Dove siamo)
  • telefono: 08713421
  • email: urp.quest.ch@pecps.poliziadistato.it

Picchia l’ex moglie davanti ai figli

Picchia l’ex moglie davanti ai figli

Arrestato dalla Polizia di Stato

Il personale della Polizia di Stato, appartenente alla Squadra Volante del Commissariato P.S. di Vasto (CH), nei giorni scorsi a seguito di richieste di aiuto pervenute dalla Sala Operativa, prima da parte di una donna e poi da un bambino con voce tremolante, interveniva in un’abituazione del centro cittadino per una lite in famiglia. Sul posto gli operatori constatavano che un uomo di anni 35, conosciuto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti, in evidente stato di alterazione insultava, aggrediva e minacciava di morte l’ex moglie in presenza dei 4 figli minori. Gli Agenti, per riportare la calma, erano costretti a portare il trentacinquenne fuori di casa, sia pure con estrema fatica in quanto l’uomo rivolgendo parole minacciose agli stessi operanti, opponeva una forte resistenza. Si accertava che i due erano separati consensualmente dal 2013, ma l’uomo aveva continuato a coabitare mettendo in atto gravi vessazioni fisiche, morali e psicologiche nei confronti dell’ex moglie. Solo lo scorso febbraio aveva abbandonato il tetto coniugale perché, dopo l’ennesimo episodio di maltrattamento, era stato allontanato dalle forze dell’ordine. Nell’ultimo episodio era andato dall’ex coniuge pregandola di farlo entrare per trascorrere del tempo con i figli. Una volta all’interno, però, aggrediva la donna con calci e pugni senza alcun motivo. La figlia adolescente, intervenuta per difendere la madre, era stata   presa per il collo e scaraventata contro il muro. In preda all’ira, l’uomo aveva danneggiato le porte dell’abitazione, gli elettrodomestici e tutti gli oggetti che gli erano capitati a tiro. Per le lesioni riportate madre e figlia venivano medicate presso il locale Pronto Soccorso con prognosi di 5 e 10 gg.. Dalle immediate indagini svolte, emergeva che i maltrattamenti erano reiterati nell’arco di quasi dieci anni e che la donna in passato, in più occasioni, per le lesioni riportate era stata costretta a fare ricorso alle cure dei sanitari del Pronto Soccorso. I violenti episodi patiti dalla giovane non erano stati denunciati per paura di subire violenze peggiori o, forse, nella speranza che tutto si ricomponesse e che i figli potessero avere una famiglia normale.  Pertanto l’aggressore, in considerazione anche della sua elevata pericolosità sociale, veniva arrestato per maltrattamenti in famiglia, danneggiamento, oltraggio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e condotto in carcere. Nel convalidare l’arresto, l’Autorità Giudiziaria disponeva la misura cautelare della custodia in carcere.

 


07/04/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/10/2017 22:21:59