Questura di Caltanissetta

  • Via Catania 1 - 93100 Caltanissetta ( Dove siamo)
  • telefono: 093479111
  • fax: 093479677
  • email: gab.quest.cl@pecps.poliziadistato.it

Sportello virtuale

Comportamenti in rete e sicurezza informatica degli utenti

Continuano a pervenire denunce presso l'ufficio relazioni con il pubblico della Questura relative a frodi informatiche e, in generale, a reati concernenti i c.d. computer crimes.

Nella giornata di ieri un commerciante nisseno 43enne, ha denunciato agli agenti di essere stato vittima di frode informatica. L'uomo, titolare di carta di credito, ieri si è recato presso la propria banca per chiedere copia dell'estratto conto; dalla visione dello stesso notava che dal mese di settembre ad oggi erano state effettuate diverse operazioni bancarie relative ad acquisti online per un importo complessivo di circa 900 euro, da lui mai effettuate. Sul caso sono state avviate opportune indagini.

Verosimilmente l'uomo è stato vittima di phishing, una tecnica fraudolenta di ingegneria socialemirante a carpire informazioni personali e sensibili (dati anagrafici; user id e password per i conti correnti online; codici carte di credito; ecc.) facendo leva sugli aspetti sociali di internet, col fine di consumare illeciti bancari attraverso la rete, accedendo ai sistemi di home banking ovvero a conti correnti e servizi online per disporre dei depositi attraverso operazioni e bonifici attuati in frode ai titolari.

La dinamica standard del phishing è, ormai, nota. La modalità si manifesta con l'invio di e-mail a catena, ad un elevato numero di utenti sconosciuti, contenenti messaggi, informazioni ed immagini formulati per influenzare la psicologia del destinatario, il quale, ricevendo tali comunicazioni, apparentemente provenienti da enti, istituzioni o società reali, viene indotto a collegarsi a pagine web o siti non autentici, ma del tutto simili a quelli legittimi e sollecitato ad inserire le proprie credenziali per l'accesso ad aree riservate (soprattutto all'home banking), cliccando sui link approntati ad hoc dallo stesso phisher, oppure reindirizzato, attraverso i virus che il phisher ha infettato nel computer della vittima per alterare la gestione degli indirizzi Ip, ad un dominio web fasullo che capterà le chiavi di accesso bancarie del malcapitato, provvedendo a seccargli il conto (c.d. "pharming").

La Questura di Caltanissetta invita le persone a visitare il sito internet www.commissariatodips.it, che nella sezione "approfondimenti" contiene importanti ed utili informazioni relative alle frodi informatiche e, in generale, ai c.d. computer crimes.


14/11/2014

20/11/2017 12:43:46