Questura di Brescia

  • Via Botticelli n.2 - 25124 Brescia ( Dove siamo)
  • telefono: 03037441
  • email: Consultare "Orari e uffici"

Cinque indagati per ricettazione

foto furgone

Lo scorso fine settimana, durante la notte, la sala Operativa della Questura inviava una volante in una traversa di via Chiusure in seguito ad una telefonata, giunta al 112-NUE, in cui un cittadino segnalava la presenza di più persone intente a prelevare pacchi ed oggetti, anche voluminosi, da un garage di una corte interna di un condominio per caricarli su di furgone. I poliziotti giunti sul posto notavano immediatamente un autocarro telonato e ne scorgevano all’interno il contenuto e decidevano di interrompere l’attività in corso. I soggetti trovati nelle vicinanze e a bordo del furgone venivano identificati. Il garage risultava in uso, con regolare contratto d’affitto, a due di questi uomini, Kosovaro il padre ed Italiano il figlio, di 60 e 20 anni. Gli altri tre soggetti identificati si presentavano come conoscenti dei due che, giorni addietro, avevano loro proposto di acquistare numerosi prodotti ad un ottimo prezzo. Nei giorni successivi, questi tre uomini, Senegalesi, di 42, 37 e 25 anni, avevano avuto modo di visionare i prodotti in possesso del Kosovaro presso la sua abitazione dove avevano raggiunto un accordo per il quale tutta la merce sarebbe stata ceduta dal Kosovaro ai tre Senegalesi per la cifra di 1.800 euro in contanti, con un acconto versato di 100 euro. Il furgone adibito al trasporto della merce risultava intestato ad uno dei tre Senegalesi. Tra gli oggetti caricati sul furgone, e quelli ancora nel garage, vi erano trapani di vario genere, motoseghe, compressori, seghe professionali, idro-pulitrici, pompe idrauliche, smerigliatrici, stufe elettriche, tagliasiepi ed altri attrezzi da giardino. Alla domanda posta dai poliziotti sulla provenienza di tale merce, il Kosovaro ed il figlio rispondevano che si trattava di materiale recuperato nei mercati della provincia di Milano e in alcune cittadine della Germania dove, occasionalmente, si recavano in visita a parenti. Non specificavano, però, i punti vendita in cui avrebbero fatto gli acquisti. Dal canto loro, i Senegalesi, dichiaravano di avere accordato tale scambio, considerato un buon affare, con l’intenzione, poi, di trasportare tutto in Senegal, imbarcandosi al porto di Genova oppure procedendo via terra in direzione dello stretto di Gibilterra. I poliziotti, dopo aver effettuato completa perquisizione del furgone e del garage, trovavano ulteriori  beni usati e nuovi. I cinque soggetti venivano indagati per il reato di ricettazione in concorso. Uno dei Senegalesi risultava destinatario di diniego dell’istanza di permesso di soggiorno.

Chi avesse subito il furto del materiale elencato sopra, può presentarsi presso la Questura, all’Ufficio Denunce, con la denuncia di furto subito, e procedere al riconoscimento dei beni.


29/08/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

17/11/2017 22:19:10