Questura di Bergamo

  • Via Noli n.26 - 24100 Bergamo ( Dove siamo)
  • telefono: 035276111
  • fax: 035276777
  • email: urp.quest.bg@pecps.poliziadistato.it

"Mai una gioia" - operazione della Polizia di Stato contro gli spacciatori del tifo violento dell'Atalanta

A seguito di indagini avviate da questa Squadra Mobile condotte unitamente allo SCO dal settembre 2015, sotto la direzione del Sost. Procuratore dr. Gianluigi Dettori, a contrasto all'attività di spaccio tra i frequentatori della movida e nei luoghi di ritrovo dei giovani bergamaschi, sono stati acquisiti gravi elementi indiziari a carico di 26 soggetti alcuni dei quali con pregiudizi penali a proprio carico, dediti alla cessione di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente.

Nel corso dell’inchiesta, supportata da una meticolosa attività tecnica con l’impiego di numerose telecamere nascoste e dalla quale è emerso che parte degli indagati fossero ultras sostenitori della compagine sportiva Atalanta B.C., è stato documentato altresì un imponente volume di denaro, una rapina ai danni di un “corriere della droga”, nonché diverse estorsioni nei confronti di tossicodipendenti “insolventi” nel pagamento delle dosi.

Dalle immagini registrate si è evinta altresì la circostanza che alcuni ultras locali, acquirenti, prima di assistere agli incontri casalinghi, assumevano sostanza stupefacente ed in particolare cocaina, nei pressi dello stadio o addirittura all’interno e successivamente dopo essersi travisati, commettevano azioni violente, come accertato in occasione di tafferugli avvenuti, nel gennaio 2016, nel centro di Bergamo, dopo la gara sportiva contro la squadra dell’INTER.

 L’operazione, denominata "mai una gioia", per l’uso quasi ossessivo di tale modo di dire gergale da parte degli indagati nel corso dei contatti telefonici intercettati, ha consentito   l’esecuzione nelle prime ore di questa mattina delle seguenti misure disposte dalla A.G. procedente nei confronti di 24 cittadini italiani nonché di un cittadino serbo ed un albanese, ritenuti responsabili, a vario titolo, di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina e resistenza a pubblico ufficiale:

11 custodie cautelari in carcere;

7 arresti domiciliari;

3 obblighi di dimora;

5 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria.

In contemporanea sono state eseguite 14 perquisizioni domiciliari a carico di altrettanti, ulteriori soggetti indagati, in stato di libertà, per i menzionati reati ed eseguiti 5 arresti differiti, a carico di altrettanti soggetti (dei quali due destinatari di custodia cautelare in carcere, due destinatari di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria ed uno dei quali non colpito dalla misura cautelare in argomento).

Nel corso delle perquisizioni effettuate si è proceduto ad arrestare, in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, 4 soggetti residenti nella provincia di Bergamo e sono stati sequestrati circa 20 Kg di Hashish e 40 gr di cocaina.

Inoltre sono stati notificati 30 avvisi di avvio del procedimento per l’emissione del D.A.SPO. nonché 10 provvedimenti di sospensione della licenza ai sensi dell’articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, nei confronti di altrettanti gestori di esercizi commerciali bergamaschi, utilizzati come punti di aggregazione dagli indagati e coinvolti a vario titolo negli episodi ricostruiti nel corso dell’inchiesta.

 

Bergamo, 7 marzo 2017


07/03/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

14/12/2017 00:15:29