Questura di Arezzo

  • Via Filippo Lippi snc - 52100 Arezzo ( Dove siamo)
  • telefono: 05754001
  • fax: 0575400477
  • email: gab.quest.ar@pecps.poliziadistato.it

LA POLIZIA DI STATO SCOVA E DISTRUGGE UN’ALTRA PIANTAGIONE DOMESTICA

LA POLIZIA DI STATO SCOVA E DISTRUGGE UN’ALTRA PIANTAGIONE DOMESTICA

Nella tarda mattinata di ieri, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un italiano nella flagranza del reato di produzione di sostanze stupefacenti.

F. C., classe1968, con precedenti per produzione di sostanze stupefacenti, aveva realizzato una coltivazione domestica di marijuana, nella propria residenza di questa zona Meridiana.

Le preziose ed illegali piantine, piuttosto che essere coltivate con lampade a raggi UV e ventilate con sistemi di areazione forzata, in una stanza buia a nascosta come accade di solito, erano state adagiate sui due balconi dell’appartamento occupato dall’uomo.

L’unica accortezza che era stata presa dal coltivatore era stata quella di celarle alla vista dei passanti e dei vicini, coprendo la balconata con un telo oscurante di colore verde.

L’ondata di caldo torrido di quest’ultimo periodo, aveva però evidentemente fatto proliferare le piante oltre misura e le loro cime iniziavano a spuntare rigogliose oltre il corrimano della balconata.

Quella scena non è passata inosservata all’occhio attento degli operatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Arezzo, che, nella mattinata di ieri, mentre F.C. si accingeva ad uscire di casa, lo hanno intercettato e sottoposto a perquisizione, personale e domiciliare.

L’uomo è stato trovato in possesso di 7 piante di marijuana coltivate in vaso, per un peso complessivo di circa tre chilogrammi di coltivazione illegale.

La prosecuzione della perquisizione ha permesso anche il ritrovamento di alcune parti di pianta già essiccata e pronta per il consumo, stipate in buste di carta e barattoli di vetro, conservati nella cucina e nella dispensa della casa, per un peso totale di circa 30 grammi.

L’arrestato è stato condotto presso gli uffici della Squadra Mobile e dopo aver trascorso la notte in cella di sicurezza in Questura, questa mattina, dopo la convalida dell’arresto, è stato sottoposto al giudizio direttissimo. L’uomo, a seguito della richiesta di giudizio abbreviato avanzata dalla difesa, è stato posto in libertà.

 

Seguono Fotogrammi

 

 

 

 

 

 


29/07/2017

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

23/10/2017 17:30:31