Questura di Ancona

  • Via G. Gervasoni n.19 - 60129 Ancona ( Dove siamo)
  • telefono: 07122881
  • email: gab.quest.an@pecps.poliziadistato.it

Cessione fabbricati

Nuove norme sulla cessione fabbricati

L'obbligo di effettuare la comunicazione all'Autorità di P.S. in caso di cessione della proprietà o godimento di immobili (c.d. cessione fabbricato) sancito dall'art. 12 D.L. 59/1978, è stato recentemente ridefinito dall'art. 2 del D. L. 20 giugno 2012 n. 79, convertito in Legge 7 agosto 2012 n. 131.

Viene ora confermato il principio che la registrazione presso l'Agenzia delle Entrate dei contratti inerenti diritti su fabbricati o porzioni di essi (vendita, locazione, comodato, ecc.), soggetti all'obbligo di registrazione in termine fisso, di cui al D.P.R. del 26.04.1986 n. 131, assorbe l'obbligo di comunicazione all'Autorità di Pubblica Sicurezza.

L'assorbimento del predetto obbligo viene esteso quindi ai contratti di comodato ed a tutti i contratti di locazione registrati, comprese le locazioni ad uso abitativo effettuate nell'esercizio di una attività di impresa, o di arti e professioni, precedentemente escluse. L'obbligo della comunicazione permane per i residui casi in cui il contratto non è soggetto a registrazione, e nei casi previsti dal comma 1 dell'articolo 7 del D.lgs. n. 286/98 che recita "chiunque, a qualsiasi titolo, da alloggio ovvero ospita uno straniero o apolide, anche se parente o affine, ovvero cede allo stesso la proprietà o il godimento di beni immobili, rustici o urbani, posti nel territorio dello stato, è tenuto a darne comunicazione scritta, entro 48 ore, all'autorità locale di P.S." Si rammenta che con il termine stranieri, così come richiamato dall'articolo 1 del decreto legislativo 286/98 devono interdersi i cittadini di stati non appartenenti all'unione europea.
19/09/2012
(modificato il 18/10/2012)

11/12/2017 18:03:58